L'idolo di Farefuturo? Ora è Tremonti: «Se fosse il nuovo anti-Silvio?»

I finiani si ritrovano a fare i gufi, sperando che la disparità di vedute sulla crisi tra il ministro e il premier si trasformi in scontro di governo. Ecco il succo dell'editoriale sul sito della fondazione Farefuturo

Ora i finiani si ritrovano a fare il tifo per Giulio Tremonti, nella speranza magari che faccia il «Gianfranco». Così in sintesi scrive la fondazione in un editoriale del sito web «Ffwebmagazine», intitolato «Quel "controcanto" di Tremonti che sulla crisi cita Churchill...».
Ecco cosa scrivono del dettaglio Filippo Rossi & Co: «C'è poco spazio per l'ottimismo nell'analisi del ministro dell'economia sulla crisi globale. Poco spazio per i sorrisi e le rassicurazioni, tanto utili in un clima di perenne campagna elettorale quanto pericolosi per affrontare i tornanti della storia. Dice Tremonti: "È come vivere in un videogame, compare un mostro, lo combatti, lo vinci, ti rilassi e subito spunta un altro mostro più forte del primo". E dato che - spiega - si è utilizzato il denaro pubblico "per salvare con le banche anche la speculazione", adesso il risultato è "che siamo tornati quasi al punto di partenza". Nuovi mostri, nuovi livelli, nuove sfide. Insomma, la crisi non è finita, anzi.
"Si dice che tutto va bene, ma ne siamo proprio sicuri?", si chiede dunque Tremonti. E fa bene. Però - scrive Farefuturo - viene un dubbio, a pensarci bene: che ne pensa di tutto questo Silvio Berlusconi, per il quale la crisi (che non ha toccato l'Italia), è ormai quasi del tutto alle spalle?
Chissà. E chissà che dalle parti del partito del predellino non incominci un po' di insofferenza nei confronti di questo "controcanto"...». Insomma, gli uomini di Fini abbandonato il Pdl fanno in gufi auspicando litigi in casa d'altri.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.