Linfomi Sempre più efficaci le cure per combattere questa neoplasia

Oltre 1 milione di persone al mondo convivono con un linfoma e sono 350.000 i nuovi casi ogni anno a livello mondiale, 16mila in Italia. Oggi, rispetto a pochi anni fa, il linfoma si può curare, grazie alla chemioterapia, al trapianto di midollo e ai farmaci biologici.
Martedì scorso si è celebrata in tutto il mondo la Giornata mondiale per la conoscenza del linfoma, tumore maligno che colpisce il sistema linfatico, è la terza forma di neoplasia più diffusa. In Italia circa 15-19 pazienti ogni 100mila abitanti ne sono colpiti. «Obiettivo di questa importante Giornata – spiega il professor Franco Mandelli, presidente AIL – è promuovere l’informazione sulla malattia, ma anche dare speranza a coloro che ne sono colpiti: grazie infatti alla ricerca, i linfomi sono oggi malattie curabili e sempre più spesso guaribili».
Le possibilità di guarigione sono quasi raddoppiate ed i pazienti vivono più a lungo. Il linfoma non Hodgkin, la forma più diffusa con 12mila nuovi casi ogni anno, si distingue in diverse tipologie: ognuna presenta prognosi, durata e tipo di trattamento differenziato. In quello a grandi cellule il 60-70% dei pazienti può guarire.
Tre sono i capisaldi della lotta al linfoma: la chemioterapia tradizionale, il trapianto di midollo osseo e i farmaci biologici, che colpendo in modo mirato solo le cellule tumorali, sono meno debilitanti per il paziente. «Tra questi il rituximab ha dato i risultati migliori: questo farmaco riconosce un antigene di superficie presente sulle cellule del linfoma (l’antigene CD20), si concentra su quello, uccidendo la cellula tumorale»,afferma Maurizio Martelli, ematologo all’università di Roma La Sapienza.

Commenti

Grazie per il tuo commento