Litiga per una donna e investe il rivale

Litiga per una donna e investe il rivale

RomaPedoni trattati come birilli da bowling, centrati e travolti da automobilisti che poi scompaiono nel nulla. E poco conta se quei birilli non si rialzano più.
Nel nostro Paese non bastavano i pirati della strada, quelli che dopo aver accidentalmente investito qualcuno si allontanano impunemente, sperando di far perdere le proprie tracce. Ora ci si spinge anche oltre, affondando il piede sull’acceleratore per raggiungere e lasciare a terra un rivale in amore, qualcuno che non ci va a genio o semplicemente ha commesso una scorrettezza, al volante o in motorino. Accade sempre più spesso, e ieri teatro dell’ennesimo episodio da dimenticare è stata la capitale. Un automobilista ha volutamente investito l’uomo che aveva di fronte, con il quale aveva avuto un’accesa discussione qualche attimo prima.
Il fattaccio è accaduto in piena mattina, verso le undici, in via Andrea Millevoi, nel popolare quartiere Ardeatino, sotto gli occhi di decine di testimoni sconvolti, che in queste ore vengono ascoltati dagli investigatori. Come è accaduto appena tre giorni fa a Cremona, anche questo balordo ha le ore contate, perché alcune telecamere in zona avrebbero ripreso tutta la scena. La vittima è Tiziano V., un uomo di quarantun anni, che ora si trova in gravi condizioni. Subito dopo l’incidente è stato soccorso da un equipaggio di un’ambulanza del 118, che lo ha trasportato in codice rosso all’ospedale Sant’Eugenio, dove è stato inizialmente ricoverato per trauma cranico e molteplici fratture, anche al torace. Poi nel pomeriggio le sue condizioni si sono aggravate e il paziente è stato trasferito al San Camillo, dove è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva.
Ai carabinieri dell’Eur, che si occupano delle indagini, alcuni testimoni hanno raccontato di aver visto il quarantunenne litigare con un altro uomo. Quando quest’ultimo è salito in auto, una Fiat Punto grigia, Tiziano V. gli si è piazzato davanti, nel tentativo di non farlo allontanare. A quel punto l’automobilista ha accelerato di colpo, investendolo. Quindi si è dato alla fuga, lasciando quel poveretto a terra. Nessuno dei presenti, però, ha fatto in tempo a prendere la targa della Punto grigia. Alcune telecamere di sorveglianza hanno filmato i momenti della lite in strada, ma tra le immagini non ci sarebbe la sequenza successiva e il momento esatto in cui il pirata travolge Tiziano. Le piste su cui indagano i carabinieri al momento sono due. Quella del movente legato alla viabilità e quella, più accreditata, di un diverbio nato per motivi sentimentali o meglio per una donna contesa. I militari non escludono che i due uomini si conoscessero da tempo. Ad avvalorare quest’ipotesi il racconto di una giovane, giunta sul posto poco dopo, che ha detto ai carabinieri di aver avuto una relazione con la vittima, troncata da qualche tempo. Se questa strada fosse confermata, il pirata potrebbe finire in carcere già nelle prossime ore.

Commenti