«Lodo Ledesma inammisibile» Stavolta ha vinto Lotito

Il collegio arbitrale della lega Calcio dà ragione alla Lazio. Il centrocampista, che aveva chiesto la rescissione del contratto dalla società capitolina, dovrà restare a Roma

Il collegio arbitrale della Lega Calcio ha respinto il ricorso di Christian Ledesma che chiedeva di svincolarsi dalla Lazio. «Il lodo è stato ritenuto inammissibile», ha commentato il legale del giocatore argentino.
«UNA VERGOGNA» «È una vergogna». Vincenzo D'Ippolito, agente di Cristian Ledesma, commenta così la decisione del Collegio arbitrale. «È una vergogna - ha detto l'agente del centrocampista in esclusiva a Calciomercato.it - la sentenza è sotto gli occhi di tutti. Sono stati valutati dei reintegri fittizi ma, in realtà, il giocatore non ha mai fatto parte della prima squadra. Inoltre non state valutate delle documentazioni probanti a favore del giocatore». Ora si attende la contromossa dell'entourage dell'argentino: «Faremo ricorso ma per ora c'è grande amarezza».
«LAZIO SEMPRE CORRETTA» «Il lodo è stato dichiarato inammissibile nel merito: la Lazio si era comportata correttamente». Così il legale della Lazio. All'uscita dalla sede della Lega Calcio, nonostante la «vittoria» riportata, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, non ha voluto rilasciare alcun commento ai tanti giornalisti presenti.
IL FUTURO DI LEDESMA Ledesma rimane quindi un calciatore della Lazio, con il contratto valido a tutti gli effetti fino al 2011. Non è da escludere che resti vivo un interesse dell'Inter, anzi. Già ieri si era parlato di una disponibilità di Moratti a pagare al club biancazzurro tra gli 8 e i 9 milioni di euro (comprendendo una sorta di indennizzo per l'affare Pandev). Ma ora Lotito ha il coltello dalla parte del manico e si può dare per scontato che cercherà di alzare quanto più possibile il prezzo.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.