Marina zittisce Saviano: "Polemica stucchevole, io critico non censuro"

Dopo la sparata di ieri a <em>Che tempo che fa</em>, Marina Berlusconi replica al giornalista: &quot;Fa
finta di non distinguere tra le
mie opinioni personali e le scelte editoriali&quot;. Poi spiega: &quot;Criticare non significa censurare&quot;

Milano - "Di quale paura sta parlando Saviano? E di quale contraddizione? Non ho e non ho mai avuto paura di esprimere le mie opinioni, anche estremamente critiche: nei confronti di Saviano e non solo nei suoi". Il presidente della Fininvest e della Mondadori, Marina Berlusconi, risponde alle accuse lanciate dall'autore di Gomorra, ospite ieri sera di Fazio a Che tempo che fa. "Il fatto è che Saviano continua a non distinguere, o a far finta di non distinguere - continua Marina Berlusconi - tra le mie opinioni personali e le scelte della casa editrice che presiedo".

Marina Berlusconi replica a Saviano Quanto detto ieri sera da Saviano costringe Marina Berlusconi a intervenire in quella che ritiene "una polemica ormai stucchevole". Ma non può tacere di fronte alle accuse avanzate ieri dal giornalista: "Avrei dimostrato 'paura politica' perché mi sarebbe mancato il 'coraggio di dire chiaramente' che non sopporto più le parole di Saviano, sarei protagonista di una 'contraddizione pesante' in quanto sedicente 'editore libero che poi, quando qualcosa non va, mi dà addosso'". "La libertà di pensiero e di espressione è un diritto universale che a nessuno, e sottolineo nessuno - ribatte la numero uno della Mondadori - può essere negato: tutti hanno il diritto di criticare e tutti possono essere criticati. Ma criticare non vuol dire censurare".

Opinioni personali e scelte editoriali "Le mie opinioni personali - continua Marina Berlusconi - nulla hanno a che vedere con le scelte della casa editrice che presiedo. Scelte che erano e restano totalmente libere e pluraliste: e questo, sia ben chiaro, non 'nonostante' la famiglia Berlusconi come azionista di riferimento, ma 'anche grazie' a noi e al modo autenticamente liberale di interpretare il nostro ruolo di editori". Marina Berlusconi spiega, poi, che "ci sono i vent’anni della nostra presenza in Mondadori a dimostrare che questi non sono proclami retorici ma fatti incontestabili". "Del resto Saviano può lamentare una censura? Una minor attenzione da parte della Mondadori nei suoi confronti? - si chiede il presidente della Mondadori - la tutela della più assoluta libertà di espressione degli autori,a cominciare da Saviano, è e resterà al centro del nostro essere editori". In tutto questo, Marina Berlusconi non vede "la minima contraddizione". "La contraddizione mi sembra piuttosto quella di chi rivendica giustamente per sè la sacrosanta libertà di parola e di critica che poi però pare non riconoscere ad altri - spiega - ma al diritto di avere delle idee e di esprimerle non ho alcuna intenzione di rinunciare". "Se tutto questo a Saviano non sta bene, francamente non è certo un problema mio, ma solo e soltanto suo - conclude Marina Berlusconi - per quanto mi riguarda, posso solo aggiungere, e concludere, che continuare a giocare sull’equivoco, a voler confondere la legittima manifestazione di un’opinione con le scelte editoriali, mi pare strumentale e provocatorio oltre che decisamente ripetitivo".