Miami, La Spezia si mette in vetrina col nuovo waterfront

La nuova Stazione marittima sarà un’isola triangolare per l’accosto di due navi su due banchine di 390 e 280 metri. Oltre al terminal crociere, 300 posti barca, spazi commerciali e residenziali, aree verdi, strutture ricettive, polo sportivo, piscina, centro culturale, locali

Miami, La Spezia si mette in vetrina col nuovo waterfront

Il presidente del porto spezzino, Lorenzo Forcieri, in missione a Miami, alla fiera internazionale Seatrade Cruise Shipping 2010 per presentare i progetti della nuova stazione crocieristica e del nuovo waterfront. Con Forcieri l’architetto spagnolo Josè Maria Tomas Llavador, che, affiancato da Aldo Schiattarella e Amedeo Mazzanobile, ha vinto il bando di idee, e Marco Simonetti, amministratore delegato di Lsct. «La Spezia volta pagina - ha detto Forcieri - il progetto piace a tutti. C’è interesse dalle principali compagnie crocieristiche, a portare da noi le grandi navi. Ci sono operatori interessati anche a partecipare all’investimento. Ora si tratta di non deludere le aspettative e dimostrare che la città vuol riscoprire la sua modernità e ritrovare la sua dinamicità». Il progetto interessa una superficie di 330 mila mq, per 250 milioni di investimento. La nuova stazione marittima sarà un’isola triangolare per l’accosto di due navi su due banchine di 390 e 280 metri. Con il progetto del waterfront verranno ridisegnati 15 ettari di fronte mare: oltre al terminal crociere, nasceranno un bacino per la nautica da diporto con 508 metri di pontili per 300 posti barca, spazi commerciali e residenziali per 21.000 mq circa, aree verdi, strutture ricettive, polo sportivo, piscina, centro culturale dedicato al tema del mare, locali.

Commenti