Ambiente, 15 milioni ai cittadini per sostituire i mezzi inquinanti

Stanziati fondi per il 2019 e il 2020: «Sostegno ai lombardi»

Ambiente, 15 milioni ai cittadini per sostituire i mezzi inquinanti

Quindici milioni di euro per rottamare le auto più inquinanti. Il Consiglio regionale ha stanziato 15 milioni di euro (sia per il 2019 che per il 2020) destinati ai privati per incentivare la sostituzione dei veicoli più inquinanti. In particolare, 10 milioni sono dedicati alle auto e 5 ai veicoli privati commerciali.

Dopo il bando attivato nell'agosto scorso da 6,5 milioni di euro a favore dei veicoli commerciali dedicato alle Piccole e Medie imprese, Regione Lombardia attiverà una nuova misura per il prossimo anno dedicata ai possessori privati di veicoli Diesel più inquinanti che sono stati oggetto dei provvedimenti per il miglioramento della qualità dell'aria in Lombardia e nelleRegioni del Bacino Padano.

«Si tratta di risorse importanti - ha spiegato l'assessore lombardo all'Ambiente Raffaele Cattaneo - che vanno nella direzione di proseguire il lavoro di miglioramento dell'ambiente in cui viviamo nella prospettiva di aiutare le famiglie e le imprese nella sostituzione dei veicoli che producono una maggiore quantità di polveri sottili che sono dannose per la nostra salute. Ai divieti preferiamo gli incentivi e il bilancio regionale con questi nuovi stanziamenti testimonia la volontà di non scaricare sui cittadini i provvedimenti legati alla circolazione delle auto. Ringrazio l'assessore al Bilancio Davide Caparini per aver previsto nel bilancio adeguate risorse e chi ha contribuito a portare a termine questo lavoro prezioso per adeguare e bilanciare misure e incentivi».

Dal 1 ottobre, infatti, sono in vigore i divieti di circolazione per autoveicoli Euro 0 benzina e diesel Euro 1 e 2 dal lunedì al venerdì, dalle 7,30 alle 19,30. I mezzi Euro 3 diesel sono fermi dal lunedì al venerdì, escluse quelle festive infrasettimanali, dalle 7,30 alle 19,30 fino al 31 marzo. Alle misure strutturali si aggiungono quelle temporanee previste dopo il superamento per quattro gironi consecutivi di valori limite di Pm10 che estendono il blocco ai diesel Euro 4 in ambito urbano dalle 8.30 alle 18.30.

Commenti