Cronaca locale

Area B, nessuna apertura di Sala: "Ha alzato un muro"

Beppe Sala non torna indietro dopo l'incontro l'opposizione a Palazzo Marino: nessuna sospensione per Area B e limiti insuperabili anche per Area C: "Cittadini cornuti e mazziati"

Area B, nessuna apertura di Sala: "Ha alzato un muro"

Continuano le polemiche legate all'istituzione di Area B a Milano, che di fatto impedisce l'ingresso all'interno della metropoli anche ai veicoli diesel Euro 5, non obsoleti ma additati da Beppe Sala come corresponsabili dell'inquinamento cittadino. Una decisione che, oltre a penalizzare residenti e pendolari, taglia le gambe ai commercianti e agli imprenditori locali costretti a cambiare i veicoli per continuare a lavorare.

Ma crea disagi anche per i lavoratori che saranno costretti a cambiare auto per entrare a Milano, con conseguenti disagi, come hanno segnalato gli operatori di polizia. L'opposizione a Palazzo Marino ha chiesto un incontro con Beppe Sala per discutere della questione ma il sindaco è stato chiaro su quale sia la sua posizione: "Io ascolto tutti, ma poi vado avanti e non cambierò opinione. Vado avanti con la mia testa. Anche perché se cominciamo con le deroghe a qualcuno, non finiamo più perché tutti hanno i loro diritti".

Una posizione che, come ha ribadito Samuele Piscina, consigliere comunale di area Lega a Palazzo Marino che era presente all'incontro, il sindaco Sala ha ribadito con forza anche durante la riunione: "Ha alzato un muro per tutto ciò che possono essere le sospensioni di area B, le deroghe che riguardano le auto private. C'è stata una piccola apertura da un punto di vista tecnico, perché ci sono cose che non tornano, come i parcheggi di scambio all'interno di area B". Così ha spiegato il consigliere a ilGiornale.it subito dopo la fine dell'incontro col sindaco.

Ma a parte questa piccola apertura al confronto, eventualmente sui dati mensili, Samuele Piscina ribadisce: "Non possiamo che essere scontenti di questo incontro che non porta benefici ai cittadini, che stanno vivendo un momento socio economico difficoltoso e che non sono per la maggior parte nelle condizioni di poter cambiare l'auto da un giorno all'altro. Vetture che hanno magari appena 5 anni di vita per le quali stanno ancora pagando le rate".

Ma ci sono chiusure totali da parte di Beppe Sala anche su Area C, avanzato dallo stesso Piscina, "ossia che le auto Euro 4 e 5, anche se montano Move-In non potranno più entrare all'interno di area C nemmeno dietro pagamento del ticket". Ma da parte di Sala c'è stata ancora totale chiusura, "perché dal punto di vista normativo non si cambia. Abbiamo evidenziato anche il caso in cui un figlio dovesse portare alla clinica San Giuseppe il padre malato per una visita e non può più entrare in area C, nemmeno pagando, se non prendendo la multa. Quindi cornuto e mazziato".

Commenti