La banda di ladri arrampicatori si nascondeva nel campo rom

La polizia ha rintracciato i presunti autori dei furti compiuti nel centro a Milano. Si tratta di due serbi e un romeno. Gli agenti li hanno individuati nel campo rom di via Monte Bisbino

Si nascondevano nel campo rom di via Monte Bisnino a Baranzate, alle porte di Milano. Lì, la polizia ha individuato e fermato i tre ladri "arrampicatori", sospettati di essere gli autori di una serie di furti messi a segno nel centro di Milano. Si tratta di due serbi, di cui uno minorenne, e un romeno.

Dopo l'ennesima rapina in abitazione, commessa lo scorso gennaio, ieri, gli agenti hanno rintracciato la banda dei ladri "arrampicatori", chiamati così per i numeri da acrobata che eseguivano per introdursi negli appartamenti del centro. Lo schema era sempre lo stesso: due facevano i pali, ai lati dell'abitazione nel mirino, mentre un terzo si introduceva in casa, arrampicandosi sulle canaline pluviali. Usando questo metodo, gli indagati avrebbero messo a segno, secondo l'ipotesi degli investigatori, almento due colpi da oltre 400mila euro. Poi, una volta recuperato il bottino, i tre festeggiavano in discoteca, tra cocktail e champagne e noleggiando limousine. "L'uomo ragno" della banda era, secondo quanto appreso da Agi, Mile Djordjievic, 29 anni, serbo, mentre il rumeno Marian Catalin Busuioc, 20 anni, e un 17enne serbo facevano da pali.

A far partire le indagini era stata la denuncia di una donna di 81 anni, che si trovava in casa al momento del furto. I malviventi l'avevano chiusa in bagno e poi costretta as aprire la cassaforte. I tre avevano portato via gioielli e Rolex per circa 500mila euro. Gli investigatori hanno analizzato circa 200mila targhe, che il giorno della rapina erano transitate in centro: una era risultata sospetta. L'auto, infatti, era intestata a una donna residente in via Monte Bisbino, sede del campo rom: le telecamere che monitorano gli ingressi della auto nell'Area C di Milano avevano ripreso l'auto intorno alle 19.30 dell'11 gennaio, mentre passava dalla Ztl, per recarsi nell'appartamento in zona San Babila, in pieno centro città. I ladri, poi, si erano introdotti nell'abitazione, ripresi dalle telecamere di sorveglianza.

Oltre alla macchina sospetta, gli investigatori riescono a intercettare una telefonata, effettuata dal padre di un membro della banda, che chiede di noleggiare una limousine per quella notte, per farsi accompagnare in una discoteca del centro. Gli agenti, inoltre, si sono serviti anche di Facebook: sul profilo di uno dei ladri compare una ferita alla mano, compatibile con lo sfondamento di un vetro, rotto la notte dell'11 gennaio. Il serbo aveva lasciato sul posto delle tracce di sangue: il test del Dna accerterà se a compiere il colpo sia stata proprio la banda degli arrampicatori, anche se i tre avrebbero già confessato i furti. Nessuna speranza, però, di ritrovare la refurtiva, inviata ai canali di ricettazione internazionale.

Oltre al colpo dell'11 gennaio, gli investigatori sospettano che i tre ladri siano anche gli autori di un colpo in via Raffaello Sanzio e della maxi rapina da 400mila euro in via Vincenzo Monti, quando forzarono la cassaforte con la fiamma ossidrica.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Mar, 03/03/2020 - 09:54

Solita musica... il risultato della tolleranza dell'illegalità, altro buco nero nell'ideologia sinistra.

DRAGONI

Mar, 03/03/2020 - 09:57

NORMALI REALTA' CHE SI POSSONIO RISCONTRARE IN TUTTO IL TERRITORIO ITALIANO.

victorRoma

Mar, 03/03/2020 - 10:12

Bravi e solerti i nostri poliziotti a fare le indagini e individuare i ladri. Sarebbe bello leggere qualcosa su quali pene i nostri magistrati hanno comminato a questa gentaglia. Speranza vana...

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 03/03/2020 - 11:05

Noooooooooooooo,non ci posso credereeeee.....questi li faranno cavalieri del lavoro per l'abnegazione dimostrata??????

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Mar, 03/03/2020 - 11:07

Somo gli amici del Governatore Rossi, di Laura Bordini e di Papa Francesco che non indicano mai le loro malefatte continue ma li etichettano come "soggetti deboli". E i cittadini ne subiscono le conseguenze.

claudioarmc

Mar, 03/03/2020 - 11:11

Speriamo Mattarella non voglia far Commendatori anche questi

jaguar

Mar, 03/03/2020 - 11:39

Se hanno del talento nell'arrampicarsi e nelle acrobazie possono partecipare a Italia's got talent.

Ritratto di asimon

asimon

Mar, 03/03/2020 - 11:52

facciamoli tutti commendatori del lavoro (a modo loro ovviamente)

Yossi0

Mar, 03/03/2020 - 12:13

chissà come mai, si tratta di un'eccezione

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 03/03/2020 - 13:03

Prima o poi gli daranno la medaglia di "Cavaliere del lavoro".

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 03/03/2020 - 13:04

Faranno qualche mese di carcere, non risarciranno mai i derubati e tornati liberi, si godranno il milione e passa di euro sottratto ai legittimi proprietari.

dagoleo

Mar, 03/03/2020 - 13:12

si tratta di furti semplici e di una mezza rapina. tra due o tre anni se si comportano bene saranno tutti fuori e si potranno godere i soldi nascosti e tornare a fare colpi, con più esperienza di prima. il crimine paga.

Ilsabbatico

Mar, 03/03/2020 - 13:36

...altra gente che oltre a delinquere e fare del male, viene anche mantenuta. VERGOGNA

Ritratto di Gaidem

Gaidem

Mar, 03/03/2020 - 13:49

Ed a questi tre virtuosi delle acrobazie, almeno un titolo di cavaliere Mattarella non vuole concederglielo?!

carpa1

Mar, 03/03/2020 - 13:51

Ora una bella commenda anche per loro, perchè no? Anche il loro mestiere deve in qualche modo essere riconosciuto!

giancristi

Mar, 03/03/2020 - 14:14

I furti negli appartamenti li abbiamo conosciuto tutti. A maggior ragione siamo indignati davanti alla tolleranza nei confronti di questi ladri. Non avrebbero diritto a stare in Italia e dovrebbero essere cacciati. Sarebbe un bene per la sicurezza e la serenità di tutti.

Ritratto di Adespota

Adespota

Mar, 03/03/2020 - 14:40

Censire chi soggiorna nei campi rom ? Incostituzionale, illegale, razzista, sovranista, populista, vero signor sindaco di Milano e altri sinistrati ?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 03/03/2020 - 15:48

Si nascondevano o ci vivevano?

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Mar, 03/03/2020 - 16:06

Altre risorse delle quali non possiamo farne a meno! Grazie compagni e buonisti vari!

tiromancino

Mar, 03/03/2020 - 16:58

Praticamente nel fortino inespugnabile