Boom di aggressioni a Milano: come agiscono balordi e predoni

Il mese di luglio è stato drammatico per Milano sotto il piano della sicurezza pubblica; record di aggressioni, scippi, rapine e violenze sessuali e le prospettive non sono delle migliori

Sei aggressioni registrate a Milano e hinterland, tutte tra il 24 e il 28 luglio, con una situazione che sta chiaramente degenerando e del resto i segnali di una escalation c'erano tutti, visto che già nei primi 12 giorni del mese si sono verificati ben sette casi tra cui una violenza sessuale nei confronti di una donna di 45 anni al Monte Stella, perpetrata da un senegalese irregolare sul territorio poi arrestato.

Le aggressioni

Nella notte del 24 luglio tra via Castaldi e via Tadino, in un blitz di pochi secondi, due soggetti di colore hanno aggredito Andrea Pedretti per impossessarsi della sua borsa. I due assalitori sono comparsi all'improvviso, hanno spintonato la vittima facendola cadere a terra e lo hanno picchiato per cercare di strappargli la borsa senza però riuscirci; i due gli hanno allora rubato l'orologio e si sono dileguati mentre Pedretti è stato portato d'urgenza all'ospedale Fatebenefratelli con una frattura del pavimento oculare di sinistra.

La notte tra il 25 e il 26 luglio nei pressi dell'incrocio tra via Pergolesi e via Mercadante, in zona Caiazzo, nove individui maghrebini e italiani tra i 18 e i 24 anni, poi arrestati, hanno aggredito una coppia di filippini scaraventandoli a terra e picchiandoli per poi rubargli lo smartphone. La gang si è poi allontanata a bordo di veicoli presi a noleggio ma sono stati raggiunti e arrestati. Gli agenti li hanno trovati in possesso di un coltello a serramanico, banconote per un totale di 1.625 euro, 10 grammi di marijuana e hashish.

Nella notte tra domenica 26 e lunedì 27 luglio è invece stata la zona del Parco Sempione a finire al centro di episodi violenti. Il primo si è verificato intorno alle 3 di notte all'Arco della Pace quando un gruppo di nordafricani descritti come tra i 16 e i 18 anni ha aggredito tre coetanei; uno dei maghrebini ha poi spaccato una bottiglia in testa a uno dei tre, un ragazzo di 19 anni per poi dileguarsi. Attenzione però, perchè una gang di nordafricani dalle caratteristiche molto simili veniva già segnalata per altre aggressioni avvenute nello stesso luogo a inizio mese nei confronti di altri ragazzi scelti a caso e un'altra messa in atto in zona Primaticcio il 25 giugno, nei confronti di un 16enne che si trovava con degli amici. Le modalità sono sempre le stesse, l'aggressione scatta senza alcun motivo e viene perpetrata con bottiglie, bastoni e anche coltelli. Età (15-20) e provenienza (nordafricani) fanno pensare a un'unica gang che si muove dalla periferia verso il centro e che sembra prediligere la zona Sempione. Il fatto che una delle aggressioni sia avvenuta in zona Primaticcio potrebbe poi essere un indicatore sull'area di provenienza.

Sempre nella notte tra il 26 e il 27 luglio nei pressi della Triennale una ragazza veniva scippata della borsa con dentro un I-Phone e 150 euro. La vittima ha rincorso il ladro, fiancheggiata da un'amica, ma nelle aiuole circostanti, tra le auto parcheggiate, le due sono state circondate da cinque immigrati giunti a dar manforte allo scippatore, minacciandole e spintonandole.

Il 28 luglio una ragazza in attesa di prendere la metropolitana in Stazione Centrale veniva avvicinata alle spalle da due marocchini di 18 e 24 anni, irregolari sul territorio, mentre era intenta a digitare sul telefonino; i due predoni le strappavano improvvisamente dalle mani il cellulare e fuggivano per poi venire identificati grazie alle telecamere di sorveglianza ed arrestati. Il filmato dell'aggressione è stato ripreso dalle videocamere dell'Atm ed è visibile qui.

Sempre il 28 luglio, alle 11 di mattina, un 25enne marocchino senza fissa dimora e già noto alle Forze dell'Ordine avvicinava un 34enne che camminava in via XXIV Maggio a Cormano e lo colpiva con un pugno al volto per poi rubargli cellulare e portafoglio. L'aggressore veniva individuato e arrestato poco dopo.

Intanto, mercoledì 29 luglio gli agenti del commissariato Garibaldi-Venezia arrestavano un 15enne tunisino arrivato in Italia come minore non accompagnato, accusato di ben sette rapine a danno di coetanei, tutte avvenute tra il 15 novembre e il 5 dicembre 2019 e sempre tra le 16 e le 18, fascia oraria in cui poteva allontanarsi dalla comunità presso la quale era ospite e dove pare seguisse anche un corso di studio. Il soggetto in questione colpiva nella zona di piazza Oberdan (Porta Venezia), sempre in punti dove non erano presenti videocamere di sorveglianza e prendeva di mira i coetanei minacciandoli con un taglierino o con un coltello. Il tunisino faceva tra l'altro parte di un gruppo composto da altri tre nordafricani 17enni che avevano organizzato un raid punitivo con bottiglie rotte e cinte in zona Rubattino, contro dei coetanei dopo una lite sui social e avevano anche accoltellato un ragazzo di 16 anni. Il gruppo è ora accusato di tentato omicidio e lesioni personali gravi.

Il modus operandi

Le modalità con le quali vengono effettuate le aggressioni varia in base all'obiettivo e al contesto di riferimento. In quattro casi di rapine o scippi i risvolti sono stati violenti, con veri e propri pestaggi come nei casi di Caiazzo e via Tadino, dove le vittime sono state scaraventate a terra e picchiate da gruppi che andavano dai due fino ai nove soggetti; entrambe le aggressioni avvenute in piena notte. Fondamentali duenque aggressività ed effetto sorpresa. Stessa cosa per quanto riguarda l'aggressione a scopo di rapina avvenuta a Cormano, dove il soggetto è stato avvicinato e colpito con un pugno al volto. Anche lo scippo avvenuto in Triennale è poi sfociato in violenza nel momento in cui la ragazza derubata e la sua amica hanno rincorso lo scippatore, venendo aggredite dai compari del soggetto in fuga.

Il filmato del furto del telefonino in Stazione Centrale, perpetrato da due maghrebini ai danni di una ragazza che era in procinto di salire sulla metropolitana, mette invece in evidenza come gli scippatori abbiano sfruttato la prolungata distrazione della donna che era intenta a consultare il telefono e non si è accorta dei due che aveva alle spalle. Se infatti il gesto dello "strappo" è stato veloce, l'avvicinamento lo è stato un po' meno. Curioso poi come nessuno sulla banchina si sia reso conto di quanto stava avvenendo e abbia avvisato la ragazza. Questo caso fa emergere ancora una volta quanto sia importante e spesso trascurata, la cosiddetta "situational awareness", ovvero la consapevolezza di quanto avviene attorno a noi. Telefonini e cuffie per ascoltare la musica sono spesso strumenti che portano infatti il cittadino ad alienarsi dall'ambiente circostante, rendendosi così vulnerabile ad attacchi di scippatori e rapinatori che sfruttano così l'effetto sorpresa.

Differente invece il caso della gang di nordafricani che aggredisce coetanei (e non solo) per il semplice piacere di recare danno; il caso fa pensare a vere e proprie bande giunte dalla periferia per colpire in centro, come già visto anche nelle metropoli francesi e britanniche. In questo caso possono subentrare tutta una serie di fattori tra cui l'astio e la voglia di vendetta nei confronti di chi viene visto come "privilegiato" in quanto presumibilmente in condizioni socio-economiche migliori, un senso di rivalsa e un illusorio senso di appartenenza territoriale/clanica che lascia in realtà il tempo che trova.

Per quanto riguarda invece le sette rapine messe a segno dal 15enne tunisino ospite di una comunità, è sorprendente come già a 15 anni si fosse preoccupato di esaminare accuratamente i punti precisi della zona di Porta Venezia dove non vi sono videocamere di sorveglianza e la scaltrezza nel prendere di mira coetanei minacciandoli col taglierino per poi rientrare in comunità a seguire i suoi corsi di studio, con tanto di bottino. Un episodio che deve fare seriamente riflettere sullo spessore criminale di giovanissimi non accompagnati che vengono lasciati entrare e scorazzare per il territorio grazie a Istituzioni assenti e leggi inadeguate.

Con la città semi-deserta in seguito alla pandemia da Covid che a causato la chiusura di molte attività commerciali, lo smartworking da casa e l'esodo verso altre destinazioni, al quale si aggiunge il periodo estivo, Milano è diventata territorio di conquista per questi soggetti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

silvano45

Dom, 02/08/2020 - 10:06

A farne le spese è solo purtroppo il cittadino che lavora che usa i mezzi che va a fare la spesa porta i figli a scuola i nostri figli e nipoti ai signori capaci solo di incollarsi alla poltrona la cui capacità è forse pari all'ignoranza che vive tra scorte palazzi e quartieri bene non succede nulla quindi fanno come le tre scimmiette non vedo sento parlo.

amicomuffo

Dom, 02/08/2020 - 10:09

fatevi delle domande e datevi delle risposte: 1) i politici che abbiamo eletto servono ancora? 2) La magistratura che abbiamo, è al servizio del cittadino? 3) Le nostre forze dell'ordine sono efficienti e ci proteggono? 4) Dovremo tornare a farci proteggere dai signorotti locali come al tempo del feudalesimo? Se avete risposto le prime 3 no e la 4 si..traetene voi le dovute conseguenze!

cesare caini

Dom, 02/08/2020 - 10:11

Cittadini completamente abbandonati a stessi in balia di orde di criminali che agiscono indisturbate , ormai anche nelle zone più centrali della metropoli a tutte le ore del giorno e della notte ! La delegittimazione delle forze dell'ordine sta avendo i suoi effetti !|

Ritratto di Lupry

Lupry

Dom, 02/08/2020 - 10:18

Grazie salah.....

Ritratto di nando49

nando49

Dom, 02/08/2020 - 10:28

Questa è la Milano voluta dalla giunta del sindaco Sala? Uscire di casa è diventato come giocare alla roulette russa, se incontri una di queste schegge impazzite rischi molto mente il delinquente "sa" di rischiare poco.

Marcus2791

Dom, 02/08/2020 - 10:30

Purtroppo da sempre e per sempre si sono state e ci saranno persone che hanno con caratteristiche diverse: chi rispetta e contribuisce al bene della società e chi invece fa di tutto per distruggerla, i cosiddetti buoni e cattivi, che hanno caratteristiche genetiche totalmente differenti. Sarebbe sufficiente punire in maniera tale da rendere inoffensivi PER SEMPRE gli elementi negativi, invece c'è un chiaro intento protettivo e leggero da parte di chi dovrebbe garantire la pace in una comunità, al fine unico di rendere meno evidenti i propri crimini e misfatti

Dante Cruciani

Dom, 02/08/2020 - 10:35

Ottimo. Abbiamo portato a Milano i problemi delle periferie di Parigi e Londra. Bande di magrebini che non si riconoscono nella cultura italiana ed esprimono invidia sociale.

FracazzoDaVelletri

Dom, 02/08/2020 - 10:45

A breve tutta l'Itatia sarà in queste condizioni, ma vi rendere conto gente? non solo sono clandestini a nostre spese ma poi delunquono pure...e noi zitti e mosca...ma SVEGLIAMOCI!!!! c'è la prendiamo con Salvini che è l 'unico che vorrebbe far qualcosa per questo scempio, ma dai cosi non si può andare avanti...DOBBIAMO REAGIRE TUTTI INSIEME...mi sembra di ritornare nel Medioevo

Enne58

Dom, 02/08/2020 - 10:47

Il problema in questa Italia buonista è che se ti difendi rischi di tuo. Naturalmente la causa di tutto questo tace, ma è sempre pronta a colpire l'Italica vittima. Poi in pieno delirio starnazzano perché perché ci si rifugia in paesi più seri

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 02/08/2020 - 10:55

Lockdown, criminalità ZERO!!!!! Richiudere tutto

Korgek

Dom, 02/08/2020 - 11:05

Purtroppo se uno dice di attenzionarli si prende del razzista. Però è inutile girarci intorno. I nordafricani sono popolazioni che vanno attenzionate, hanno una predisposizione (magari anche genetica) all'aggressione, al raggiro, al non rispetto del prossimo che è sotto gli occhi di tutti ma che per motivi di politicamente corretto si tende a non vedere/capire. E' una problematica sociale che può essere comunque combattuta, ma finchè si votano sindaci come Youssef Al Salah campa cavallo.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Dom, 02/08/2020 - 11:08

Ringraziamo tutti il PD! .....e qualche giudice che pur avendone la possibilità di metterli in gattabuia li lascia liberi di delinquere!

Ritratto di Lupry

Lupry

Dom, 02/08/2020 - 11:24

@pipporm- no, punire severamente i delinquenti!

ziobeppe1951

Dom, 02/08/2020 - 11:38

In casi come questi, i PDioti davano la colpa all’allora Ministro degli interni Salvini...ora che c’è la lamorgese tutto divisa e distintivo..zitti e muti

ITA_Chris

Dom, 02/08/2020 - 11:49

Leggi troppo permissive. Ci vogliono processi rapidi e pene certe, che diventano progressive se commetti lo stesso reato. Se 6 uno straniero, europeo e non, espulsione dopo aver scontato la pena.

Sempreverde

Dom, 02/08/2020 - 11:54

Milano ormai affascinante come Caracas o Bogota. Un clima e inquinamento come Il Csiro. Droga e cartelli di tutti i tipi. Ma che cosa ci trovate di utile ad investire ancora a Milano? Ormai si lavora tutti sparsi nel mondo, in smart ed agile. Le fabbriche stanno tutte in Vietnam o in Mexico. Investite dove la qualità della vita permette ancora un bilancio accettabile tra natura, socializzazione, cultura, ambiente.

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Dom, 02/08/2020 - 11:56

Siamo nella jungla africana, ormai. Ma facciamone venire altri, visto che il PD ne ha tanto bisogno, poverino...

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 02/08/2020 - 12:15

Milano come San Pedro Sula (Honduras) o Caracas. Invivibile. Sappiamo tutti chi è che l'ha ridotta così,vero sinistrati?

Ritratto di Smax

Smax

Dom, 02/08/2020 - 12:32

Votato pd? Prendere l’intero pacchetto delle loro politiche.

Ritratto di Adespota

Adespota

Dom, 02/08/2020 - 12:32

Perchè scrivere solo di Milano ? Trattasi di discriminazione nei confronti della maggior parte delle altre città italiche...siate un po' più obiettivi !

casela

Dom, 02/08/2020 - 12:56

Ma per il sindaco Sala, l'onorevole Maiorino e l'ex prefetto ora ministro, Milano era un paradiso terrestre senza problema alcuno!!!

venco

Dom, 02/08/2020 - 13:57

E a Milano continueranno a votare Pd.

Sempreverde

Dom, 02/08/2020 - 14:14

Milano, Torino, Bologna, ma soprattutto Roma, Bari e tante altre mini-città-metropolitane sono il modello da riformulare e da riorientare verso nuovi modelli di sviluppo. Intendiamoci bene: sviluppo e non decrescita. Occorre porre limiti alle concentrazioni. Ogni città con popolazione elevata raccoglie migliaia di disperati senza futuro, illusi alla ricerca di bella vita. Milano non e’ piu’ una favola ma favela, certamente solo una delle tante, anche se con i marmi di Via Monte Napoleone.

UnLupoSolitario

Dom, 02/08/2020 - 14:42

Hanno trasformato la nostra povera nazione nel paradiso dei criminali di importazione! Grazie sinistra!

routier

Dom, 02/08/2020 - 14:48

Possiamo combattere molto efficacemente codesto andazzo: è sufficiente mettere la crocetta sul simbolo "giusto" alle prossime elezioni di autunno.

GINO_59

Dom, 02/08/2020 - 15:00

Povera Italia. Povera Milano: da locomotiva economica del paese a contenitore di pattume umano. Ringraziamo i sostenitori del degrado (piddì, 5ssssss, iv e ciarpame vario).

albyblack

Dom, 02/08/2020 - 15:39

Notare i commenti dei sinistri\globalisti: manco uno!!! ce li troveremo, a frotte, appena c'è un articolo che riguarda il Matteo (il nostro naturalmente, non quell'altro) e la Giorgia.

albyblack

Dom, 02/08/2020 - 15:40

Da ex milanese confermo: è ormai una metropoli satura di questi soggetti. Non ci metto nemmeno più piede ormai. Anni fa ero stato in uno dei luoghi che ero uso frequentare in gioventù. Zona viale Padova. Non l'avessi mai fatto. Torme di africani, arabi, latinos, che si guardano in cagneco l'uno con l'altro e in mezzo gli italiani, più che altro anziani, che a testa bassa, girano alla larga. Ma guai a dire qualcosa. La gigantesca ipocrisia del politicamente corretto, come gustamente ha già scitto korgek lo impedisce. Perchè tanti votano comunque a sx? Difficile rispondere. Molti per tradizione. Molti pensano che tanto, dx o sx è uguale, non cambia nulla. Moltissimi non votano affatto, perchè tanto non serve a niente. D'altronde un sindaco non ha chissà quali poteri, è' a Roma che devono cambiare le cose

Ilsabbatico

Dom, 02/08/2020 - 15:45

Una volta all'anno torno in Italia, a milano, a trovare mia madre. Bene, di sera ho paura! ...e pure di giorno in certi quartieri. E pure i miei amici che visito mi dicono lo stesso....

maxxena

Dom, 02/08/2020 - 16:19

La città sognata dal sindaco sala. mi spiace ma forse sono i milanesi che dovrebbero farsi qualche riflessione, soprattutto quando sono nella cabina elettorale. Forse sarebbe meglio per loro dimenticare le appartenenze ideologiche e le mirabolanti teorie di accoglienza a 360 gradi (anche perchè poi i gradi si riducono spesso a 90). Forse riuscirebbero a riappropriarsi della loro città e scegliere con accuratezza chi ospitare. Milano è una città che produce e da lavoro a tutti , sarebbe veramente un peccato distruggerne il tessuto sociale e l'immagine nel mondo.

FD06

Dom, 02/08/2020 - 16:35

Purtroppo Milano è in degrado , con un sindaco di sx che non interviene sulla sicurezza pur avendo cifre alla mano .......solo per ideologia, .......dovrebbe fare uno sforzo di volontà e di coscienza per rendere innanzitutto la città sicura per i milanesi , le leggi ci sono ma ci vogliono direttive e azioni per controllare capillarmente il territorio

Ritratto di navajo

navajo

Dom, 02/08/2020 - 16:49

Accogliere, accogliere, accogliere, e senza controlli che son tutte bravissime persone bisognose d'aiuto.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 02/08/2020 - 16:59

Quelli di sx sicuramente hanno un qualcosa per farsi riconoscere. Non capita mai a loro? Mi sa che quelli di sx viaggiano sempre in gran numero come i centri sociali. Tanto sanno che i presenti non si metteranno certo a difendere la vittima. 30anni di galera ai lavori forzati e poi vediamo. Ma che lo dico a fare sia la sx cje la dx non lo faranno mai una proposta di legge.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 02/08/2020 - 17:04

Come definirlo, il Bronx? le Balieu? o le vie cittadine del Sudamerica? Che educazione! Che civiltà! Anarchia pura. Poi dicono a noi di non armarci per non far diventare il FarWest.

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Lun, 03/08/2020 - 10:30

almeno anni fa` con mio piacere esssendo che vivo all'estero ; sentivo parlare di RONDE ,Comitati di Quartiere per la Sicurezza e altre inazziative di cittadini normali,che poi sono quelle piu efficaci !....E` ora ..` ...peggio che mai !

evuggio

Mar, 04/08/2020 - 12:02

VIVA LA GIUNTA ROSSA!!