Casa sgomberata, protesta sul tetto

Un gruppo di anarchici scarica estintori contro le forze dell'ordine

Momenti di tensione ieri mattina in via Casella, nel quartiere di Quarto Oggiaro, dove gli agenti della questura sono intervenuti per lo sgombero di «casa Brancaleone», una villetta abbandonata e occupata più di un anno fa abusivamente da un gruppo di anarchici. Gli antagonisti - circa una decina - hanno opposto resistenza svuotando in direzione degli agenti alcuni estintori. Tre di loro - con felpe, cappucci e volti coperti - sono rimasti sul tetto per alcune ore, mentre altri sette - tre donne e quattro uomini - sono stati accompagnati in questura.

Ma se la polizia ha fatto sapere che «gli occupanti hanno opposto resistenza svuotando in direzione degli agenti alcuni estintori», gli anarchici hanno invece denunciano che «prima dell'irruzione la polizia ha sparato alcuni lacrimogeni». Per protestare contro lo sgombero, sul posto sono intervenuti altri anarchici e antagonisti che gli agenti hanno tenuto a distanza di sicurezza.

L'occupazione dello stabile di via Casella 14 risale alla fine di luglio dell'anno scorso, quando un gruppo di autonomi ha rivendicato il blitz spiegando senza troppi giri di parole di aver occupato non «per aprire al pubblico l'ennesimo centro sociale, né dispensare servizi ai buoni cittadini, ma fare quello che ci pare e piace, con chi avrà il coraggio di guardarsi allo specchio ed esprimere il suo sacrosanto desiderio di autorealizzazione». Niente di meno. Un anno dopo - sempre troppo tardi - l'avventura è finita.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 24/09/2015 - 18:33

AVVISO AI POLIZIOTTI ATTENTI A NON ROMPERE GLI OROLOGI ROLEX DI QUESTI BRAVI RAGAZZI DI BUONA FAMIGLLIA E FUTURR RISORSE DELL'ITALIA