Casa del volontariato: feste, musica e proteste

Continuano le segnalazioni dei residenti, ma Majorino: «Non risultano usi impropri»

Foto d'archivio

Feste non autorizzate alla Casa delle Associazioni e del Volontariato di via Miramare 9? Così pare, vista l'ultima segnalazione giunta dai residenti di Villa San Giovanni.

Il fatto risale al 17 marzo, quando i vicini hanno lamentato musica sudamericana tenuta ad alto volume provenire dalla struttura di via Miramare 9, tenendoli svegli tutta la notte. «Già l'anno scorso avevamo provveduto ad informare l'Amministrazione. Soprattutto sulle attività improprie rispetto al regolamento in vigore. Gli spazi vengono utilizzati anche al di fuori dell'orario di apertura, lasciando le chiavi della struttura alle Associazioni che ne fanno richiesta, alcune delle quali vi tengono feste fino a tarda notte. Tali attività sono vietate, oltretutto vengono svolte senza che vi sia nessun controllo da parte del personale preposto o da altre autorità competenti», ha dichiarato il Consigliere Silvia Sardone.

In risposta l'Assessore Pierfrancesco Majorino ha dichiarato: «Le Case delle Associazioni e del Volontariato sono accessibili alle associazioni iscritte dalle 9 alle 24, sia nei giorni feriali che festivi. Ad oggi, non risultano usi impropri della Casa di via Miramare e delle altre strutture attive. Tuttavia sarà cura della direzione competente effettuare ulteriori controlli, al fine di garantire una corretta gestione degli spazi». Villa San Giovanni non è una zona degradata, ma da tempo si trova al centro di continue segnalazioni. «I residenti si lamentano degli schiamazzi notturni nel parchetto di via Miramare- spiega Silvia Sardone consigliera regionale di Fi- delle intemperanze dei frequentatori del Drop In, del mercati abusivi che si formano davanti al Pane Quotidiano, delle occupazioni che continuano a interessare lo stabile abbandonato di via Fortezza e del peggioramento di scippi e furti che ha costretto il Commissariato di Greco-Turro a intensificare la sorveglianza. Non si sente proprio il bisogno che ad aumentare i loro disagi intervenga una struttura del Comune di Milano».

«Dall'opposizione posso fare poco- aggiunge l'azzurra- continuo a segnalare gli abusi, a sollecitare interventi e ho fatto approvare un impianto di videosorveglianza per il parchetto di via Miramare che attendo ancora sia installato. Purtroppo siamo nelle mani di una giunta per cui la sicurezza non è una priorità».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

carpa1

Lun, 02/04/2018 - 09:56

Come dire: QUANDO L'ACCOGLIENZA (farlocca) SI TRASFORMA IN PREVARICAZIONE DEI DIRITTI ALTRUI. Ma finirà, e come se finirà, perchè tutti coloro che hanno brigato ed acconsentito che tutto questo avvenga, prima o poi deve essere messo in condizioni di non più nuocere alla collettività.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 02/04/2018 - 13:45

Garantito che ci guadagnano pure senza scontrini esentasse.

Malacappa

Lun, 02/04/2018 - 13:51

Coi soldi nostri

caren

Lun, 02/04/2018 - 14:53

Siamo nella giungla, non esiste più legge né rispetto per gli altri.

piazzapulita52

Lun, 02/04/2018 - 19:35

In un'ex paese dove lo stato non esiste più succede questo e di peggio!!!

Ritratto di eleinad

eleinad

Lun, 02/04/2018 - 22:54

Ringraziamo le giunte di sinistra senza capacità e degnità verso i cittadini.