Cronaca locale

Due stadi, Beppe apre al dossier La Russa

Due stadi, Beppe apre al dossier La Russa

La terza via. Dare l'ok alla costruzione del nuovo stadio ma convincere Milan e Inter ad affittare e gestire per almeno dieci anni (con i costi annessi) lo storico Meazza. É un'ipotesi che caldeggia da tempo e ieri il senatore FdI Ignazio La Russa ha voluto consegnare personalmente il dossier al sindaco Beppe Sala. Un incontro di circa mezz' ora a Palazzo Marino. «Il sindaco è stato molto cortese, ha esaminato con attenzione la proposta - ha riferito all'uscita, accompagnato dal consigliere e neo deputato FdI Andrea Mascaretti - Mi ha detto che ne parlerà con le società e lo ringrazio. L'ho presentato oggi, era il momento giusto, perché fuori dalla campagna elettorale e prima della scelta del nuovo governo, una fase neutra per offrire una soluzione per la nostra Milano».

Sottolinea che la demolizione del Meazza costa 52 milioni di euro. I club «potrebbero usarlo per i derby e i match che richiedono una capienza maggiore di quella prevista nel nuovo stadio, affittarlo per altri eventi sportivi e concerti. Si possono fare mille cose». Sala esaminerà «più nel dettaglio il dossier. É chiaro che se le squadre fossero disponibili ad affittare il Meazza per 10 anni, perchè no, ci mancherebbe. Bisogna verificare la loro volontà perchè ipotizzano di costruire» una struttura commerciale, «dove c'è lo stadio, poi tutto è risolvibile. Non se sia fuori tempo massimo, io una telefonata la farò. La Russa ha portato la propria istanza con grande educazione, non con intenti polemici ma per trovare una soluzione».

Il Verde Carlo Monguzzi e il consigliere della Lista Sala Enrico Fedrighini hanno polemizzato invece sugli orari del dibattito pubblico sul nuovo stadio. L'incontro di ieri (e altri tre) si è tenuto dalle 17 alle 20, in concomitanza con il consiglio comunale.

Commenti