La famiglia Bach e il clavicordo a Santa Maria della Passione

Stasera (ore 19 e ore 21, info: 02-76317176) nella splendida Sala Capitolare della Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16) affrescata dal Bergognone, appuntamento con il terzo concerto del ciclo Milano Arte Musica, giunto alla terza edizione. Questa volta sarà protagonista il clavicordo, strumento poco noto al vasto pubblico per l'intimità del suono e la sua natura poco adatta ai grandi spazi, ma dalle notevoli possibilità espressive. Joel Speerstra proporrà un programma dedicato a brani della famiglia Bach, da Johann Sebastian ai figli Wilhelm Friedmann e Carl Philipp Emanuel. Il concerto si tiene in due turni per la limitata capienza della sede. Il clavicordo ebbe un ruolo fondamentale nella storia della tastiera e fu ritenuto per oltre tre secoli lo strumento didattico per eccellenza nella formazione degli organisti. Ciò che rende questo strumento unico nel panorama delle tastiere antiche sono le sue possibilità dinamiche: la partitura si arricchisce di variegate sfumature non ottenibili né sull'organo né al clavicembalo. Il programma di questa sera propone pagine della famiglia Bach che ben si addicono alle possibilità espressive del clavicordo: l'ascolto, forse in un primo momento non facile, sarà una felice scoperta di come il tenue suono di questo strumento possa dal frastuono della vita quotidiana condurci in una dimensione più intima ed umana. Joel Speerstra insegna organo e tastiere storiche all’Academy of Music and Drama dell’Università di Gothenburg, in Svezia, ed è attivo in Europa e in Usa sia come musicista sia come costruttore di strumenti.

Commenti