Forzano la claire e rubano in farmacia: "La zona lasciata a sé stessa"

Il titolare della farmacia in via Crema, in zona porta Romana denuncia: "Sembra ci sia mancanza di pattugliamenti, soprattutto durante il lockdown". E sollecita: "Il Comune incrementi le misure di sicurezza"

Due furti con scasso in tre anni, danni economici e ladri che si impossessano dei medicinali scaduti. Ludovico Sergent-Marceau, il titolare della farmacia Minerva in via Crema, nella zona di Porta Romana a Milano, racconta al Giornale.it la situazione di degrado in un'area di Milano che ultimamente sembra essere stata "lasciata a sé stessa", senza che l'amministrazione prendesse le adeguate misure di sicurezza, soprattutto durante il lockdown imposto per contrastare la diffusione della pandemia.

Due furti in tre anni, quando è avvenuto l'ultimo?

La sera del 30 dicembre, due individui sono entrati della mia farmacia in via Crema, nella zona di porta Romana. Erano circa le 23.40 quando hanno forzato la claire e la porta automatica, danneggiandole. Sono andati a colpo sicuro, perché hanno alzato la saracinesca proprio in prossimità dell'entrata, non della vetrina. Poi si sono introdotti nel negozio e hanno strappato il cassetto della cassa, che era chiuso, portandolo via con loro. Quella sera, dato il coprifuoco, ero a casa, poco distante dalla farmacia, quando ho sentito la sirena dell'allarme: poco dopo mi è arrivato l'sms che mi avvisava dell'intrusione. Il mio sistema di allarme è collegato alle forze dell'ordine, quindi è intervenuta anche una pattuglia della polizia, ma i due malviventi erano già fuggiti e, nonostante un primo giro di perlustrazione da parte degli agenti, non sono stati individuati.

A quel punto si è recato a fare denuncia?

Il 31 dicembre, il giorno dopo, ho deciso di denunciare il furto e ho chiamato il commissariato di competenza per spiegare la situazione, anticipando la mia intenzione di recarmi lì per effettuare la denuncia. Ma mi è stato detto che il sistema informatico non funzionava e che non potevano prendere la mia segnalazione. Così mi hanno indirizzato alla questura dove, nonostante il rallentamento informatico, hanno raccolto le mie dichiarazioni, come è normale che sia. Mi è stato chiesto, poi, di consegnare le immagini delle telecamere di videosorveglianza che avevano ripreso la scena: ho portato una chiavetta Usb con le registrazioni, ma non so se mi verrà restituita.

In precedenza aveva già subito intrusioni simili?

Sì, nel 2018 era successa la stessa cosa: i malviventi avevano forzato la claire e la porta automatica, rubando il fondo cassa e facendo vari danni. Questa volta, per fortuna, siamo riusciti ad abbassare la saracinesca, che è rimasta danneggiata perché va a scatti, ma sempre meglio del furto del 2018. Oltre alle intrusioni nella farmacia, ci sono stati anche altri furti, uno il 1° novembre, verso le 23.30, e uno il 4 novembre, poco prima del coprifuoco. Fuori dalla farmacia teniamo il bidone in cui vengono raccolti i medicinali scaduti: qualcuni lo ha scassinato, aperto e poi ha portato via i farmaci. Le immagini di videosorveglianza mostrano i ladri che forzano il bidone: sanno che possono agire, perché a quell'ora non passa mai nessuno. Anche nelle registrazioni relative al furto del 30 dicembre, si vede che uno dei due malviventi, che era fuori dalla farmacia a fare il "palo", indossava una giacca rossa, quindi ben visibile, ma evidentemente chi compie queste azioni sa che la zona non è pattugliata. Inoltre, situazioni simili a quelle che ho affrontato io si sono verificate anche in altri negozi della zona, tanto che un'altra farmacia ha dovuto spostare all'interno il bidone dei medicinali scaduti, per evitare che qualcuno lo forzi.

Com'è la situazione generale nella zona?

La zona è stata un po' lasciata a sé stessa. In particolare durante il lockdown: sembra ci sia mancanza di pattugliamento. In più, dato che è stata sgomberata la zona di Rogoredo, le persone si sono spostate e sono arrivate anche qui: quasi quotidianamente arrivano in farmacia drogati e rom. La situazione è peggiorata con l'epidemia, tanto che sembra di essere tornati agli anni '90 e quasi ogni giorno ne succede una. Mi hanno raccontato di automobili parcheggiate la sera e ritrovate coi vetri rotti il mattino seguente e nel 2018 so che erano state forzate anche le claire di altri negozi. Io penso che la situazione sia nota, ma la zona sembra lasciata a sé stessa. Bisogna arrivare al furto con scasso perché intervenga qualcuno, sempre che intervenga. La sera del 30 dicembre, in farmacia avrei potuto esserci anche io e credo che non si sarebbero fatti scrupoli ad entrare.

Vuole fare un appello?

Sì, perché in un periodo così delicato, lasciare una zona non pattugliata e con questo tipo di servizio è assurdo. Per questo, sollecito un intervento da parte del Comune perché vengano incrementate le misure di sicurezza e i pattugliamenti nella zona.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Dom, 03/01/2021 - 10:19

^(*@*)^ la NONsicurezza italica è il fiore all’occhiello dei malviventi, di tutti i malviventi. In itaGlia essi hanno trovato il paradiso terrestre, l’Eden, l’Olimpo, qua tutti si ingrassano , prosperano con la massima serenità e tranquillità di non essere mai beccato al 98* , il restante 2* acciuffato sa da subito di essere messo immediatamente a FEMORE LIBERO

tiromancino

Dom, 03/01/2021 - 11:02

E non da meno la periferia,e quell'altro si ricandida, tutto chiacchiere e distintivo

Ritratto di Smax

Smax

Dom, 03/01/2021 - 11:05

L’importante è dare la caccia a quelli senza mascherina. Qui sono veramente efficienti.

batpas

Dom, 03/01/2021 - 11:45

Non proprio, rispetto agli anni 90 ora ha piu' moschee ed è piu' variopinta.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 03/01/2021 - 11:48

"Il Comune incrementi le misure di sicurezza" ??? Ma non ricordate chi lo comanda?

Mariottoilritorno

Dom, 03/01/2021 - 14:19

ovviamente la città è sempre meno sicura...con le "serrate" selvagge tanto amate dal nostro Governo, il coprifuoco, la fuga da Milano di tantissimi, la gente chiusa in casa che non esce nemmeno per fare "attività motoria" la città ormai è semi deserta anche in zone non periferiche come via Crema qualche giorno fa ho fatto una passeggiata, in zone centrali e residenziali c'era in giro solo gente vestita da casa con la faccia cupa e i borsoni della spesa, questa è diventata Milano

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 03/01/2021 - 14:58

Io suggerisco di fare reclamo al sindaco youssef al Salah....che equivale ad acquistare un gratta e vinci sperando di vincere un milione di euro. In seconda istanza votare CDX al prossimo giro. Certa gente deve sparire dalla politica,questa è per chi ha gli attributi. Punto!

Ritratto di asimon

asimon

Dom, 03/01/2021 - 15:09

in delinquenza forse peggio di Milano c'è solo Bologna, due città amministrate dalla peggiore sinistra (più che amministrate sarebbe meglio dire ROVINATE)

ST6

Dom, 03/01/2021 - 15:20

Non s'è fatto la copia del supporto digitale prima di consegnarlo? Molto male.

Mariottoilritorno

Dom, 03/01/2021 - 16:01

asimon via Crema è una zona semi centrale, in tempi ante lockdown assolutamente sicura anche di sera e animata da varie attività, non è colpa di Sala

Ritratto di asimon

asimon

Lun, 04/01/2021 - 10:05

Mariottoilritorno, stai dicendo che via Crema rappresenta Milano? allora ti consiglio di allargare lo sguardo oltre il tuo naso se davvero vuoi vedere i risultati della amministrazione sinistrata di Sala

Mariottoilritorno

Lun, 04/01/2021 - 15:24

asimon sto dicendo che le chiusure selvagge non portano solo al fallimento delle attività ma degradano anche le città, che una zona semi centrale fino a poco fa tranquilla e sicura sia diventata così fa pensare..le strade sono meno sicure, io ormai non mi sento tranquillo a passeggiare per Milano nemmeno in centro