Indice Rt in discesa, dimezzato con il lockdown a Milano

Dopo il picco del 22 ottobre a Milano l'indice di contagio scende a 1,25. Preoccupa l'impennata di decessi e la tenuta degli ospedali milanesi

Lo scorso 22 ottobre era schizzato a 2,35. Ora l'indice di contagio (Rt) del virus a Milano si è quasi dimezzato in neanche quattro settimane. E con l'Rt sceso all'1,25 la città raccoglie gli effetti positivi del giro di vite introdotto dal Dpcm del 4 novembre. A darne notizia è il direttore generale dell'Ats di Milano Walter Bergamaschi in un collegamento con Buongiorno su SkyTg24: "Con il lockdown si sta riducendo di giorno in giorno l'indice di contagiosità di Covid-19 e si è quasi ridotto alla metà rispetto al momento di picco".

Ma a flettersi non è solo la curva dell'indice di trasmissibilità del virus. Da giorni sono in frenata anche i nuovi ricoveri e gli accessi alle terapie intensive. Segnali che fanno ben sperare sulla possibile remissione dell'epidemia: un quadro tendenziale dell'andamento a Milano che si dimostra in linea con le previsioni, valide su scala nazionale, del fisico Roberto Battiston. A ridimensionare gli entusiasmi, invece, è il quarto parametro che continua a salire o, se va bene, a rimanere stabile: la saturazione degli ospedali.

E, considerando lo scenario nel complesso, le notizie positive si fermano al solo valore di Rt. Il numero di persone mediamente infettate da ogni caso, come riporta Il Corriere della Sera, passa dal 23 settembre a metà ottobre da essere inferiore all’1 a un massimo di 2,35. La curva inizia a scendere passando sotto il 2 intorno al 25 ottobre e arrivando il 12 novembre a 1,25. Il secondo e il terzo andamento (nuovi ricoveri e nuovi accessi in terapia intensiva) iniziano a calare tra fine ottobre e inizio novembre. Ma negli ospedali, l'effetto discendente delle tre curve ancora non si vede. La saturazione degli ospedali ha un andamento più lento rispetto ai nuovi ricoveri. Il saldo tra ingressi e dimessi è sempre positivo, anche perché i ricoveri in terapia intensiva hanno in media una durata lunga. La curva dell’occupazione delle terapie intensive è speculare a quella dei nuovi ricoveri: schizza in su da metà ottobre e da allora non accenna a invertirsi. Gli ultimi dati non smentiscono il trend. Ieri il saldo tra nuovi ingressi e dimessi in Lombardia era di 225 per le degenze e di 56 per le rianimazioni. E con 152 morti in più si impenna anche la curva dei decessi.

L'Ats di Milano per alleggerire la pressione sugli ospedali punta al potenziamento della medicina territoriale, coinvolgendo i medici di famiglia nel processo diagnostico. Ma le adesioni in città restano basse, intorno al 10%. "Su 2.500 tra medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, solo 232 hanno aderito fino ad oggi", dice Walter Bergamaschi, che subito riconosce i rischi di focolaio e i limiti logistici degli studi dei medici di medicina generale, a cui l'Ats si impegna a provvedere. "Va detto - ha precisato il Dg - che la richiesta è partita la settimana scorsa e quindi alcuni colleghi si stanno ancora orientando, però i dati raccolti fino ad oggi ci portano a dire che c'è il 10% di adesione, con 64 casi su 232 che hanno fatto richiesta di poter operare in una sede esterna. Abbiamo raccolto le loro richieste e chiesto a tutte le strutture ospedaliere di poter mettere i poliambulatori a disposizione dei medici che lo richiedono, in modo da potergli dare spazi adeguati, in una struttura dove oltre tamponi e test si possano fare anche approfondimenti diagnostici e si possa garantire un percorso clinico per il paziente".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maurizio-macold

Gio, 12/11/2020 - 14:44

Ma come, tutta la destra con in testa Salvini ha sempre aspramente criticato ogni dpcm ed oggi se ne riconoscono gli effetti benefici? Ma allora il governo fa bene a non dare ascolto all'opposizione, o no?

Una-mattina-mi-...

Gio, 12/11/2020 - 14:53

MERITO DI CHI NON RISPETTA (A SENTIRE I CONTINUI STARNAZZI, SEMPRE DI PIU') LE "REGOLE"?

Junger

Gio, 12/11/2020 - 15:34

Fontana ha correttamente chiuso le scuole superiori riducendo l'affollamento sui treni pendolari. Scuole e treni locali sono il brodo di coltura di ogni malattia infettiva. Dovrebbe procedere anche con le scuole medie. Invece il governo centrale si focalizza sulle attività commerciali e sui diritti civili inviolabili che sulla pandemia hanno un'incidenza irrisoria. D'altra parte abbiamo a che fare con esperti degni di un regime borbonico!

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Gio, 12/11/2020 - 15:35

Complimenti a Conte e al Governo per il risultato fin qui raggiunto, nonostante il gracchiare delle nere cornacchie...

antonmessina

Gio, 12/11/2020 - 15:58

quanti sono i decessi delle terapie intensive? (causa covid e non con covid)

fj

Gio, 12/11/2020 - 16:17

Complimenti di che? E'da febbraio che non lavoro e non sono previsti rimborsi seppur minimi. E siamo migliaia solo nella mia categoria.

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 12/11/2020 - 16:33

ANGELO LIBERO 70, quale risultato raggiunto? Io non ne vedo, vedo solo che ci stiamo avvicinando alla DDR!

Ant66

Gio, 12/11/2020 - 16:34

Attenti a come scrivete queste notizie,cosi si evince che il governo ha fatto un ottimo lavoro. Due sono le cose,o vi è un infiltrato cattocomunista...oppure è tutto vero

Ritratto di Gabriele184

Gabriele184

Gio, 12/11/2020 - 16:54

Si è sempre detto che gli effetti dei "lock-down" si sarebbero visti dopo alcune settimane.. quindi E' IMPOSSIBILE CHE QUESTO CALO SIA CAUSATO DAL DPCM DI UNA SETTIMANA FA!! Queste ondate "prescindono" dalle chiusure, che non servono assolutamente a nulla!

Ritratto di Gabriele184

Gabriele184

Gio, 12/11/2020 - 16:54

A proposito.. qualcuno ha capito come si calcola il "fattore RT"?

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 12/11/2020 - 17:06

La curva epidemiologica sta facendo il suo decorso naturale:i dpcm hanno avuto pochi effetti se non nulli.

baio57

Gio, 12/11/2020 - 17:27

La colpa era della movida e di Briatore, poi grazie ai monopattini che hanno sostituito i mezzi pubblici ed i banchi scuola autoscontro...ecco che la curva decresce, bene.

Ritratto di Zorro474

Zorro474

Gio, 12/11/2020 - 17:29

Non può essere che il DPCM del 4 novembre, entrato in vigore il 6, possa aver fatto dimezzare l' RT. Però si mormora che Speranza faccia miracoli.

fabioerre64

Gio, 12/11/2020 - 17:44

@tomari, ANGELO LIBERO 70 si riferiva ai 6 milioni di disoccupati che ci saranno non appena leveranno il blocco dei licenziamenti, ai 3 milioni di partite iva che hanno già chiuso e chiuderanno a breve ed ai 9 milioni di italiani che vivono sotto la soglia della povertà.

florio

Gio, 12/11/2020 - 17:56

Forse i commentatori sinistri, non sanno o fanno finta di non sapere che Fontana aveva chiuso Milano ben prima del DPCM del Governo. Fossi in voi sinistroni darei uno sguardo al resto delle regioni soprattutto quelle ancora governate dalla sinistra (Campania, Puglia) tanto per gradire, poi ci delizierete con i vostri commenti.

lorenzovan

Gio, 12/11/2020 - 18:16

articolo giA' SUPERATO DALLE ULTIME NOTIZIE..EDIZIONE STRAORDINARRIIIAAAAA...PLEASE

epc

Gio, 12/11/2020 - 18:26

Ottimo, si dimostra che i provvedimenti presi da Fontana, ben precedenti a quelli dello squinternato governicchio, alla lunga danno i loro risultati, anche grazie al fatto che i Lombardi sono in genere persone disciplinate. Il resto d'Italia, invece, in balia di Conte e compagnia cantante, mah.....

cegs49

Gio, 12/11/2020 - 19:05

"iniziano a calare tra fine ottobre e inizio Novembre" dato che il DPCM è del 2 novembre significa che ha effetti retroattivi sulla pandemia? 10 giorni sono pochi per vedere effetti in una malattia con incubazione sino a 14 giorni. Questo è l'effetto della chiusura dei centri commerciali nel week end e delle superiori con svuotamento conseguente dei mezzi pubblici del decreto Fontana poi rafforzato dal DPCM.

Ritratto di Gabriele184

Gabriele184

Ven, 13/11/2020 - 13:16

Non diciamo sciocchezze: gli effetti del "lockdown" non si possono vedere se non dopo 3-4 settimane! Quello che sta succedendo a Milano è l'esatta dimostrazione che le chiusure non hanno alcun effetto: i contagi seguono una chiara distribuzione gaussiana che non ha alcuna correlazione con le chiusure!!!

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 14/11/2020 - 11:08

... guarda i patani/padani come si glorificano con 10.6340 contagi? praticamente più di uno ogni mille abitanti, in compagnia con il piemonte!