Innovazione e ricerca Un miliardo per le imprese

La Regione Lombardia sta studiando un “Patto per le imprese lombarde“ per aiutare l'uscita dalla crisi

Sessanta milioni di euro per le aziende disponibili da subito. È solo il primo passo da parte della Regione Lombardia che nel 2013 vuol mettere a disposizione risorse per quasi un miliardo di euro. La Regione sta studiando infatti un “Patto per le imprese lombarde“ per aiutare l'uscita dalla crisi. Ieri è stata annunciata la disponibilità di questa cifra a disposizione per i prossimi due mesi.

Lo hanno comunicato il vicepresidente della Regione, Mario Mantovani, e dall'assessore alle Attività Produttive, Mario Melazzini. Melazzini ha ribadito che «la priorità della legislatura è proprio il lavoro», spiegando che quei 60 milioni verranno in particolare ripartiti su sette direttrici fondamentali. E cioè le nuove imprese, ricerca e innovazione, internazionalizzazione, aggregazioni e attrattività, credito, competitività, semplificazione. 

È stato anche riferito che la Giunta lombarda sta studiando la riduzione di un punto percentuale dell'Irap e la sperimentazione di aree a burocrazia zero, allo scopo di favorire le start up. «Siamo all'indomani del primo maggio - ha osservato il vicegovernatore Mantovani -. E vogliamo così ribadire che il nostro obiettivo prioritario è quello del lavoro. La disponibilità immediata di 60 milioni di euro è un messaggio importante e un segnale per le nostre imprese. Regione Lombardia vuole liberare risorse da mettere a disposizione delle imprese e creare strumenti che diano la possibilità alle pmi di crescere». 

Un primo pacchetto di 25 milioni sarà per le nuove imprese: 10 milioni per incentivare l'avvio di nuove attività imprenditoriali, altri dieci milioni per le start up innovative e cinque milioni conferiti al Fondo Politecnico per l'innovazione, un fondo aperto a investitori istituzionali per finanziare spin-off accademici che si basano su progetti di ricerca ad alto valore tecnologico.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.