Investe un bengalese e tenta di darsi alla fuga: quasi linciato in strada

L’incidente in viale Fulvio Testi, al confine tra Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni e Bresso. La vittima, un 30enne del Bangladesh, è ricoverato in fin di vita al Niguarda di Milano

Gravissimo incidente stradale la scorsa notte a Cinisello Balsamo, comune alle porte di Milano. Un uomo alla guida di un furgone ha investito un 30enne mentre attraversava la strada in bicicletta e poi ha lasciato il giovane ferito a terra. Alcune persone che hanno assistito alla scena si sono lanciate all’inseguimento del pirata della strada riuscendo a bloccarlo e a farlo ritornare sul luogo del sinistro.

Ad avere la peggio è stato un immigrato del Bangladesh di 36 anni, falciato dal furgone mentre attraversava il viale Fulvio Testi , nella zona dell'incrocio con via Carducci e via Clerici, al confine tra Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni e Bresso. Lo straniero, che risiede nel centro profughi di via Clerici a Bresso, è ricoverato in fin di vita all'ospedale di Niguarda di Milano.

La tragedia è avvenuta intorno alle 2 e mezza della notte quando il furgone, che viaggiava in direzione di Sesto San Giovanni, ha incrociato il ciclista colpendolo frontalmente. L'impatto è stato violentissimo. L’uomo in sella alla bici è volato finendo prima contro il parabrezza del mezzo e, poi, sull’asfalto. Il conducente del furgone non si è fermato a prestare i primi soccorsi ed avrebbe proseguito la marcia per un centinaio di metri, trascinando la bicicletta ormai ridotta a un rottame. Il veicolo è stato raggiunto da alcune persone che avevano assistito all’incidente.

Queste ultime, dopo aver bloccato l’uomo, lo hanno costretto tornare sul luogo del sinistro. Addirittura alcuni di loro si sarebbero avventati sull’autista pensando che volesse fuggire. Nel frattempo era stato lanciato l’allarme alle forze dell’ordine. Sul posto, così, sono immediatamente intervenuti i carabinieri della compagnia di Sesto San Giovanni, gli operatori del 118 e i paramedici del Niguarda che hanno fatto tutto il possibile per rianimare il ciclista. La vittima, in condizioni disperate per un trauma cranico e ferite alle braccia, è stata condotta in ospedale per essere sottoposta a un primo delicato intervento chirurgico. I militari sono al lavoro per ricostruire il drammatico incidente così da verificare le responsabilità delle due persone coinvolte.

L’autista del furgone, un 35enne di Sesto San Giovanni, è stato denunciato per omissione di soccorso e lesioni gravissime. Lo stesso conducente, già noto per sanzioni legate alla guida in stato di ebbrezza e per reati di lesioni personali, è stato sottoposto ai test tossicologici, i cui risultati si conosceranno nelle prossime ore, per verificare se fosse alla guida sotto effetto di droga o alcol.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ilbelga

Dom, 12/07/2020 - 15:22

atteggiamento irresponsabile e deplorevole. va punito. non si scappa neanche se era un gatto...

lawless

Dom, 12/07/2020 - 15:54

sono d'accordo, non si scappa. Una curiosità infantile: ma l'immigrato dove andava alle due di notte!... Nel centro accoglienza non ci sono orari da rispettare? Se ognuno può entrare ed uscire a piacimento allora quanto accennato deve intendersi privo di significato.

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Dom, 12/07/2020 - 17:17

Cosa fa un bengalese in giro alle 2 di notte a procurare incidenti??

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 13/07/2020 - 11:56

Se è italiano finisce in galera mentre se è straniero solo una tirata d'orecchie e via libero x tornare a pagarci la pensione

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 14/07/2020 - 14:50

anche questa notizia vi è sfuggita: TORINO Uccide madre e padre a coltellate: fermato in strada, mani insanguinate