Milano

L’ex capitano nerazzurro perde il ricorso contro la Regione

La contesa verteva su un passaggio pedonale tra il ristorante Botinero, di Javier Zanetti, e l’Autosilo

L’ex capitano nerazzurro perde il ricorso contro la Regione

Javier Zanetti, ex capitano nerazzurro ora vicepresidente dell’inter, ha perso il ricorso contro la Regione Lombardia. Al centro della contesa il suo ristorante, il ‘Botinero’ di via San Marco 3. La società titolare del locale, che si chiama Triplete srl in onore all’impresa storica del club, il 12 ottobre 2017 aveva presentato una istanza all'Ufficio territoriale della Regione Lombardia, che aveva ereditato dall’Agenzia delle Entrate le competenze in materia di polizia idraulica, per poter installare "un manufatto provvisorio e realizzare un passaggio pedonale esterno" da poter usare per la propria attività di ristorazione.

La richiesta della Triplete srl

Per poter fare questo, la società titolare del locale aveva chiesto anche una trasformazione della concessione dell'area alla società Autosilo San Marco. Infatti dal 1962 e, secondo quanto previsto nell’ultimo accordo fino al 2034, in quella zona c’è un parcheggio interrato, proprio dove anni fa c'era la Darsena del Naviglio Martesana, che è stata poi tombata. Inoltre, la concessione in questione comprende anche il piano piazza con un benzinaio e“tre aree adiacenti i fabbricati lato via Solferino destinati a uso dei locali commerciali insistenti su detti fabbricati”.

La Regione ha però rigettato la richiesta il 6 dicembre 2017, perché riteneva che fosse in contrasto con i fini e gli scopi per i quali era stata rilasciata la concessione, e che la Triplete srl, dato che non è titolare di alcun diritto su quell'area, “non fosse legittimata a presentare la richiesta di installazione del dehor”. Naturalmente i titolari del ristorante ‘Botinero’ hanno deciso di fare ricorso al Tribunale amministrativo della Lombardia, che ha però respinto la domanda il 27 marzo 2018, in quanto la società risulta essere“soggetto del tutto estraneo al rapporto concessorio”, e non può quindi avere nessun diritto. Praticamente ha ribadito quanto deciso dalla Regione.

Un altro no per Zanetti

Ma la società non si è arresa e si è appellata al Consiglio di Stato per cambiare le cose. Anche Palazzo Spada, qualche giorno fa, ha però confermato la sentenza del Tar, ovvero che la Triplete srl non ha nessun diritto, perché l'oggetto della concessione comprende sia le zone adibite a parcheggio che "quelle finalizzate all'espletamento delle attività commerciali”. Tra l’altro, come si legge nelle motivazioni, in passato era stata proprio la società a riconoscere nell’Autosilo San Marco il referente per l'area, quando c’erano da sistemare all'esterno gli arredi funzionali alla sua attività di ristorazione.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?

Commenti