L'Anpi accusa Sala: "La nuova Loggia usata come fast food"

Meno di una settimana dall'inaugurazione la nuova Loggia dei Mercanti si è trasformata in un prolungamento del McDonald's

L'Anpi accusa Sala: "La nuova Loggia usata come fast food"

«Sono infuriato, non c'è un impegno serio da parte del Comune». Sottotitolo dello sfogo del presidente provinciale dell'Anpi Roberto Cenati potrebbe essere «come volevasi dimostrare». Meno di una settimana fa, all'inaugurazione della nuova Loggia dei Mercanti, riqualificata con venti sedute in beola di diverse dimensioni di fronte a due stele commemorative in vetro che riportano citazioni di Primo Levi e Vittorio Foa sulla Resistenza, Cenati aveva chiesto di fronte al sindaco di potenziare l'illuminazione e inserire telecamere per evitare atti vandalici e abusi. Ma le foto scattate domenica pomeriggio si commentano da sole: i clienti del McDonald's in piazza Mercanti usano le sedute del «memoriale» come un prolungamento del fast food.

«Dopo 11 anni di fatiche abbiamo realizzato questa installazione (costata circa 50mila euro), un progetto donato da Cini Boeri, per riqualificare la Loggia, che oltre al valore simbolico per la Memoria è un gioiello medievale a due passi dal Duomo - sottolinea -, dovrebbe essere trattato con rispetto da tutti i milanesi, ma è evidente che senza un presidio fisso dei vigili e telecamere accadono episodi del genere. Non c'è una sensibilità da parte di alcuni cittadini ma neanche la volontà del Comune di tutelarlo». Purtroppo, prosegue, «le installazioni vengono usate come bivacchi che trasmettono immagini di degrado. Serve anche una pulizia straordinaria. Non vogliamo che il nostro sforzo di riqualificazione sia vanificato dal mancato intervento delle pubbliche autorità». La Loggia «deve diventare sempre più meta per i ragazzi delle scuole, potrebbero adottare uno dei 1739 nomi di Combattenti per la Libertà incisi sotto le arcate e approfondirne la biografia». La polizia locale presidia l'area con il Nucleo Duomo per evitare assembramenti e chiedere di mantenere l'area pulita e a quanto risulta porrà particolare attenzione anche alla luce degli ultimi fatti.

«La sinistra milanese - commenta la consigliera e eurodeputata della Lega Silvia Sardone - è al capolinea politico. Persino i partigiani dell'Anpi, tutt'altro che vicini al centrodestra, hanno apertamente criticato la gestione della sicurezza da parte del Comune chiedendo telecamere e un presidio fisso alla Loggia dei Mercanti, sistematicamente occupata da immigrati, sbandati, spacciatori e usata anche da molti ragazzi come luogo per far pic nic. Siamo curiosi di sapere cosa risponderà il sindaco all'Anpi: farà finta di nulla come quando si tratta delle richieste dei comitati cittadini o si prodigherà per risolvere i problemi?».

Commenti