L'aperitivo del bar sociale sul Vagone Blu degli anni '20

Un progetto di Cascina Biblioteca trasforma un vagone abbandonato in luogo di incontro e di inclusione

L'aperitivo del bar sociale sul Vagone Blu degli anni '20

Una carrozza storica dei primi anni del Novecento delle Ferrovie Nord, abbandonata da decenni nel parco Lambro, è ritornata a nuova vita.

Immersa nell’area verde di uno dei più grandi parchi della città di Milano, a nordest, con circa novecentomila metri quadrati e attraversato dall’omonimo fiume; si trova a due passi da Piazza Udine, attraversando via Feltre immediatamente sparisce la città e sembra di essere in campagna, in un verde rigoglioso, nel bosco del parco.

L’idea di recuperare questo piccolo treno per farne un bar sociale è stata di un gruppo di ragazzi della Cascina Biblioteca, i quali attratti dal vagone abbandonato hanno subito pensato come riqualificarlo impegnandosi nel lungo restauro. Il vecchio treno ha oggi preso il nome di Vagone-Bar Sociale e ha dato lavoro a ragazzi diversamente abili.

Il progetto è stato da subito appoggiato da Cascina Biblioteca, una cooperativa di solidarietà sociale che già da tempo si occupa di inclusione, di servizi alla persona e di inserimenti nel mondo del lavoro. Inoltre Cascina Biblioteca si occupa anche di disabilità, autismo, agricoltura sociale, animazione e attività per bambini, sa rispondere ai bisogni delle persone che incontra e svolge un importante servizio per la comunità e per il quartiere proponendo alle famiglie, agli anziani, alle scuole e alle aziende, varie iniziative e attività creative, eventi, musica live, laboratori e spettacoli per bambini.

Il Vagone è situato proprio vicino alla Cascina, su binari tra il verde, attrae con il suo blu, colore del cielo e del mare, dell’infinito e dell’armonia, della grande profondità, della calma interiore e dell’equilibrio, simbolo del moto continuo, del dinamismo e del cambiamento, riesce a far rilassare e immediatamente a far pensare a un lungo viaggio.

Invita ad entrare e una volta dentro sembra di essere protagonisti di un vecchio film, ci si aspetta che da un momento all’altro arrivi il fischio del capotreno che dà il via alla partenza.

La ristrutturazione ha portato alla rinascita il vagone con l’intento di crearne un luogo di incontro e di inclusione sociale, aperto a tutti, molto suggestivo, dove bere un caffè oppure fare un aperitivo, dimenticando di essere a Milano. Un ambiente creativo, che data la sua posizione all’ingresso del parco, crea immediatamente un legame con la città. Al suo interno giochi da tavolo, fogli e pennarelli, strumenti musicali, WiFi, l’angolo dei libri in booksharing per grandi e piccoli, condiviso con il quartiere Lambrate.

All’esterno, soprattutto per i mesi di caldo, anche un piccolo palco per spettacoli di cabaret e concerti.

Il Bar Sociale offre, all’ombra degli alberi, dalla colazione all’aperitivo, servendo sempre prodotti a basso impatto ambientale: prodotti bio dei campi coltivati a ortaggi, ma anche formaggi da assaggiare con le confetture, oltre a salumi e pane freschissimo.

Un posto nel verde dove passare una giornata con la famiglia, lontani dal caos della città, dove si respirano i profumi dell’orto, dove è possibile far vivere ai bambini la magia della natura visitando la fattoria, per terminare la sera seduti fuori dal Vagone Blu ad ascoltare la musica e i racconti delle persone.

Tutto il posto si può anche prenotare per eventi privati o animazioni organizzate dagli animatori di Cascina Biblioteca.

Commenti