Milano, portava il cane al parco: 45enne aggredita e stuprata

Lo stupro poco dopo le 18 di mercoledì al parco del Monte Stella. La vittima è stata strattonata e violentata da "un uomo di carnagione scura". È caccia all'aggressore

Milano, portava il cane al parco: 45enne aggredita e stuprata

L'ha presa con forza, strattonata e portata in un punto appartato. Poi l'ha violentata. Una aggressione brutale, in pieno giorno, in uno dei parchi più frequentati di Milano. La vittima è una donna milanese di 45 anni che stava portando a spasso il cane al parco del Monte Stella, la montagnetta di San Siro. L'aggressore un uomo staniero che dopo la violenza ha fatto perdere le sue tracce.

L'aggressione

Erano passate da poco le 18 quando la donna è uscita di casa per portare il cane al parco. Come riporta Repubblica, la 45enne stava passeggiando quando è stata aggredita all'improvviso. Un uomo l'ha presa con forza e l'ha trascinata in un luogo appartato, nel retro della scuola primaria Martin Luther King. La donna non è riuscita a sottrarsi alla furia dell'aggressore che l'ha violentata in modo brutale. Dopo quei minuti interminabili, l'uomo è scappato facendo perdere le sue tracce mentre la vittima ha trovato la forza per chiedere aiuto ad un runner che passava poco lontano.

Le indagini

L'uomo ha dato quindi l'allarme e sul posto sono intervenute le volanti della polizia e un'ambulanza che ha trasportato la donna alla clinica Mangiagalli in codice giallo. La vittima sotto choc ha subito denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine e gli esami medici hanno accertato la violenza. Ora gli agenti sono al lavoro per ricostruire l'episodio e dare un'identità all'aggressore. La donna ha raccontato alle forze dell'ordine di aver avuto l’impressione di essere seguita da qualcuno mentre cercava di recuperare il cane che si era allontanato verso la scuola. Bloccata e trascinata nel cortile sul retro dell'edificio, la vittima è stata quindi violentata. L'uomo avrebbe avuto anche un coltello con cui l'ha minacciata. La donna ha poi descritto il suo aguzzino come uno straniero alto "dall'età piuttosto giovane e dalla carnagione scura", forse centroafricano. L'identikit fornito dalla vittima, insieme ai filmati delle telecamere della zona e ai rilievi della scientifica, aiuteranno gli investigatori della squadra Mobile guidati da Marco Calì a dare un volto all'uomo.

Secondo una prima ricostruzione, la donna sarebbe stata aggredita alla spalle e trascinata in un punto nascosto del parco. Le forze dell'ordine stanno cercando di rintracciare anche qualche testimone che potrebbe aver incrociato l'aguzzino o visto qualcosa di sospetto. La montagnetta di San Siro, che sorge nella zona nord-ovest di Milano nel quartiere QT8, è molto frequentata da proprietari di cani e runner che proprio nelle ore tarde della giornata affollano il parco per fare attività fisica. Qualcuno potrebbe quindi aver notato l'aggressore e fornire nuovi particolari utili per le indagini.

Commenti