Pressing del sindaco sulla maggioranza: in via Brera viaggeranno solo bici e pedoni

Allarme rientrato: l’isola pedonale di Brera si farà. Dopo che la settimana scorsa il progetto portato al tavolo della maggioranza dall’assessore alla Mobilità Edoardo Croci aveva ricevuto pollice verso, ieri è bastato un sopralluogo di assessori (Croci e Giovanni Terzi del Pdl) e associazioni dei commercianti, ma soprattutto l’intervento deciso del sindaco Letizia Moratti alle riunioni riservate dei giorni precedenti, per sbloccare l’empasse. La versione definitiva sarà disegnata a settembre, dopo una riunione all’Unione del commercio dove saranno raccolte critiche e richieste per migliorare il piano, ma indietro non si torna. Salvo stralciare la pedonalizzazione di via Ciovasso e Ciovassino, che raccoglieva più critiche da parte dei negozianti. Si andrà solo a piedi o in bicicletta invece lungo via Brera e in via Fiori Oscuri, la pista ciclabile arriverà fino a via Filodrammatici.
Il sindaco già in giunta la scorsa settimana era stata chiara: le isole pedonali e le piste ciclabile, aveva detto, sono una priorità della giunta. Superando le proteste sollevate da parte della maggioranza sui costi eccessivi dell’opera: 5 milioni di euro. Ma è l’assessore Croci a chiarire che «per la pedonalizzazione di aree della città abbiamo ricevuto un finanziamento ministeriale da 7 milioni, quindi i fondi già ci sono e casomai si presenterebbe il problema di restituirli qualora non realizzassimo gli interventi». Dunque: «Sono molto soddisfatto per l’allargamento dell’isola, oggi è sicuro che si farà, a settembre lavoreremo solo sulla progettazione definitiva». Gli accessi saranno regolati con i pilomat, e l’assessore anticipa che verranno sfruttate «tecnologie innovative, ad esempio per accedere al parcheggio all’interno dell’area basterà una telefonata per abbassare il paletto».
La versione concordata ieri durante la passeggiata a Brera con le associazioni e i tecnici comunali convince anche il rappresentante dell’Unione del commercio Giorgio Montingelli: «Chi ha l’esigenza di trasportare merci particolari sarà dotato di telecomando. Bene anche lo stralcio di via Ciovasso e Ciovassino dove le proteste di alcuni esercizi erano condivisibili». Idem l’assessore alle Attività produttive Giovanni Terzi ammette che «le criticità che erano emerse solo una settimana fa mi sembrano superate. L’incontro è andato molto bene e a settembre arriveremo al progetto definitivo».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti