Via alla protesta dei dipendenti comunali

Questa mattina delle 8.30 assemblea al cinema Odeon: sportelli chiusi, maestre assenti nei nidi e nelle materne

Via alla protesta dei dipendenti comunali

I dipendenti comunali hanno preparato volantini da distribuire ai cittadini. «Scusate i disagi», e una sintesi delle motivazioni che stanno dietro alla protesta. Perchè disagi, tra oggi e domani, non mancheranno: questa mattina dalle 8.30 alle 13 i lavoratori si riuniscono in assemblea nella sala 1 del Cinema Odeon, pochi metri da Palazzo Marino, per discutere le ragioni che hanno creato lo stato di agitazione contro il sindaco Giuliano Pisapia.

Dai continui processi di riorganizzazione dei settori al proliferare di posizioni organizzative senza coinvolgere le sigle, dal precariato all'aumento dei carichi di lavoro «con ricadute negative anche su salute e sicurezza» alla «persistente mancanza di corrette relazioni sindacali». Tradotto: dipendenti chiusi 5 ore in un'assemblea convocata da Cisl, Uil, Usb e Csa che si prevede molto partecipata - nonostante la Cgil si sia chiamata fuori - e nelle stesse ore rischio di sportelli chiusi o dimezzati all'anagrafe e in altri uffici aperti al pubblico, maestre assenti in nidi e materne, tanto per citare. Mini-assaggio dello sciopero di tutto il personale comunale indetto lunedì prossimo.

Il Comune ha già inviato il numero dei servizi minimi da garantire oggi per legge. Ma la situazione più ostica riguarda i vigili. I dipendenti con compiti impiegatizi si riuniranno oggi dalle 8.30 alle 17. Le assemblee dei ghisa svolgono servizio su strada invece scattano domani in due blocchi: dalle 20 a mezzanotte e 15 per il terzo turno e dalle 23.45 alle 7 del mattino per i notturni.

Peccato che proprio alle 20 inizia il concertone di Radio Italia per gli «Expo-Days» in piazza Duomo. Sul palco Antonello Venditti, Marco Mengoni, Alessandra Amoroso, Cesare Cremonini, Raf, Negramaro, Eros Ramazzotti, Fabri Fibra, Stadio, Nek e Zucchero. Artisti che richiameranno minimo 50mila fan sotto la Madonnina, lo show è gratis. I ghisa che il Comune può precettare per legge? Quattro pattuglie, composte da tre agenti (normalmente sono trenta squadre). Per controllare la piazza affollata e le eventuali emergenze sul resto della città le «forze» sicure in servizi saranno 12 vigili. Il segretario del Csa Aldo Tritto prevede «un'adesione massiccia dei ghisa alla protesta».

Il consiglio comunale di lunedì scorso sul tema del personale «non ha risolto nulla, per ora l'unico tavolo che ci hanno proposto, con il direttore generale e l'assessore al Personale Chiara Bisconti, è fissato addirittura il 31 maggio. Tra tre settimane? Sembra una provocazione. E noi chiediamo un incontro con il sindaco». Dunque, «se neanche dopo lo sciopero del 13 avremo risposte, abbiamo in mente proteste “choc“». E un'azione comune con Amsa, Mm e Milano Ristorazione, per motivi diversi sul piede di guerra.

Commenti