Regione, approvato bilancio. Le Nord entrano in Serravalle

Il Pirellone cede le sue quote per un valore di 519 milioni. Tra le opere finanziate il completamento della Paullese

È stato approvato ieri pomeriggio l'assestamento di bilancio 2020-22. Ritirati 1500 emendamenti circa dell'opposizione, su 1878 depositati, grazie all'accordo politico per che ha visto due giorni fa la convocazione della commissione d'inchiesta Covid per il 7 settembre, si è arrivati in un solo giorno e mezzo di discussione alla votazione finale. Sono 530 milioni di euro gli stanziamenti aggiuntivi rispetto ai 3 miliardi già previsti per favorire la ripresa economica, il risultato dell'assestamento di bilancio 2020-22.

La parte del leone del bilancio 2019 da 24 miliardi 182 milioni e 243mila euro, la fa ovviamente il finanziamento dei servizi sanitari, per quasi 20 miliardi di euro che rappresenta circa l'80 per cento degli stanziamenti totali. «La manovra di assestamento si inserisce quest'anno in un contesto particolare ha spiegato il relatore Marco Colombo (Lega) - in cui l'emergenza sanitaria in corso ha comportato la previsione di una drastica riduzione delle entrate da tributi. In tale contesto, la manovra di assestamento non ha, quindi, potuto contemplare risorse finanziarie correnti addizionali, nonostante siano stati da poco conclusi i negoziati col Mef che consentono un parziale ristoro delle minori entrate». Un bilancio, che probabilmente dovrà essere in parte rivisto in autunno la termine delle trattative con il Governo, e quindi sui trasferimenti da Roma alla nostra regione.

Nel dettaglio, l'avanzo di bilancio di fine 2019 pari a circa 115 milioni e 933mila euro è destinato per 33 milioni di euro a copertura delle minori entrate derivanti dalle agevolazioni fiscali concessee per euro quasi 83 milioni di euro a salvaguardia degli equilibri di bilancio; è prevista la capitalizzazione della società Autostrada Pedemontana Lombarda SpA per un importo massimo di euro 350 milioni di euro.

Tra gli emendamenti approvati, uno particolarmente contestato, a firma dell'assessore al Bilancio Davide Caparini con cui la Regione cede le sue quote nella società Milano Serravalle Milano Tangenziali SpA a favore di Ferrovie Nord Milano SpA, per un valore di 519 milioni di euro. La somma sarà destinata per 350 milioni di euro all'aumento del capitale sociale di Autostrada Pedemontana, mentre la restante quota di 169 milioni 150mila e 716 euro confluirà nel fondo regionale per gli investimenti strutturali. «Un intervento che, al di là degli aspetti economico-finanziari, assume notevole rilevanza perché consente di realizzare in Lombardia un modello infrastrutturale che integra in maniera forte e importante la mobilità su ferro a quella su strada» commenta la titolare ai Trasporti Claudia Terzi. All'attacco sulla doppia operazione Pd e M5S: «Questa giunta regionale fa le cose di nascosto, senza trasparenza e senza permettere ai consiglieri di approfondire un'operazione di grande impatto - commenta Bussolati (Pd)-. Hanno deciso un trasferimento obbligatorio da una società quotata alla Regione per l'acquisto di Serravalle ad un prezzo per azione che non si sa chi abbia valutato nè si sa come ci si comporterà con gli azionisti di minoranza. Non si può agire così, con un'operazione che espone a rischio le società e la Regione».

Con un ordine del giorno a firma Gianluca Comazzi (Forza Italia) si stanziano 5 milioni di euro per il completamento del secondo stralcio del secondo lotto della strada provinciale Paullese. «Un grande risultato, che andrà a potenziare una delle arterie più importanti per i comuni del Sud Milano. Questo finanziamento favorirà il collegamento tra i comuni della Città Metropolitana di Milano e il capoluogo, migliorando la viabilità di un'area percorsa ogni giorno da migliaia di persone».

Un altro ordine del giorno - presentato da Forza Italia e Lega - impegna la giunta a stanziare risorse per l'acquisto di 100mila tablet di ultima generazione per favorire la didattica degli studenti lombardi,

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.