Retata nel «Boschetto dell'eroina»

Sessantacinque controllati durante il blitz nel fortino degli spacciatori

(...) investigativo e della compagnia Monforte, hanno individuato il tunisino 50enne, pluripregiudicato che il 6 ottobre scorso - proprio a Rogoredo e all'esterno di una discoteca - aveva ferito un egiziano di 35 anni. L'uomo è stato arrestato ieri pomeriggio nel suo appartamento di Baggio.

Ieri pomeriggio, però, a Rogoredo, c'è stato un altro efficace blitz nel «boschetto» della droga. A metterlo a segno la polizia di stato, sempre a scopo di prevenzione e controllo del territorio per il contrasto dello spaccio di droga nella zona.

L'intervento - che segue la determinazione - assunta durante la riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica tenutosi in prefettura lo scorso 26 ottobre - è stato coordinato dalla questura di Milano che si è avvalsa dei propri uffici - quello del personale del Reparto prevenzione crimine Lombardia e del III Reparto mobile nonché della collaborazione dei compartimenti della Stradale e della Polfer.

Anche stavolta il bilancio finale è di tutto rispetto. Sono 65 le persone che sono state accompagnate, di questi 20 sono stranieri e la posizione verrà valutata. Tra i 45 italiani restanti, 9 sono residenti a Milano e, dopo essere stati fotosegnalati, sono stati rilasciati; gli altri abitano fuori città e per loro si sta valutando l'eventualità di un foglio di via. Provvedimento che invece ha già colpito 25 di questi italiani.

Durante i controlli è stata arrestato un uomo accusato di evasione e un altro è stato denunciato per ricettazione.

La polizia ha trovato abbandonati dosi di stupefacenti di vario genere e parecchi bilancini di precisione utilizzati per lo spaccio.

Paola Fucilieri

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento