Il sindaco Sala dichiara guerra alle sigarette: "Stop al fumo all'aperto"

L'annuncio del primo cittadino di Milano: "Entro il 2030 sarà vietato fumare all'aperto in città e a breve alle fermate del bus". Ecco tutte le misure per contrastare l'inquinamento

Il sindaco Sala dichiara guerra alle sigarette: "Stop al fumo all'aperto"

Il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha dichiarato guerra alle sigarette. "Entro il 2030 non permetteremo di fumare all'aperto in città", ha annunciato il primo cittadino. Ma non è tutto. Già, perché Beppe Sala ha promesso di realizzare a breve anche un'altra misura. "Da subito, anche alle fermate dell'autobus e in coda per i servizi non si potrà fumare", ha affermato il numero uno di Palazzo Marino spiegando che, secondo alcuni studi, il fumo è una delle cause che contribuiscono allo sforamento dei livelli di inquinamento in città.

Il provvedimento è stato inserito all'interno del Regolamento Aria-Clima, che sarà discusso prossimamente dal Consiglio comunale e che spera sia approvato entro marzo. Il sindaco Sala ha inoltre spiegato che il possibile stop alle sigarette potrebbe essere introdotto "attraverso un'ordinanza, se viene approvato il regolamento che conterrà regole su tanti aspetti, perché il vero rischio è che si riduca" la questione ambientale "a traffico e riscaldamento, ma c'è altro".

Nel mirino del primo cittadino quindi, non solo le sigarette ma anche i fuochi d'artificio e i forni a legna delle pizzerie. Dalle analisi effettuate dal Comune sarebbe infatti emerso "che i maggiori responsabili dell'inquinamento sono il fumo, le pizzerie con i forni a legna e gli ambulanti che mantengono ancora i motori a benzina accesi". Grande attenzione quindi ai livelli di inquinamento e impegno per mettere a punto misure che riguardano i temi ambientali. Il problema dell'aria e dello smog a Milano è "una delle questioni più frustranti per me", ha ammesso il primo cittadino, promettendo di intervenire anche sulla questione dei riscaldamenti. L'obiettivo, con l'aiuto delle banche, è che "tutti gli edifici del Comune entro il mio mandato abbandonino il gasolio oppure avviino la gara per toglierlo. Prometto che non ce ne sarà nemmeno uno".

Non sono stati forniti ulteriori dettagli dal sindaco. Per capire come cambierà la vita a Milano si dovrà aspettare ancora. Di certo Beppe Sala continuerà la sua lotta la fumo per migliorare la qualità della vita in città. Misure che andranno a modificare le abitudini dei milanesi e dei turisti che ogni giorno invadono il capoluogo lombardo. "Dovranno essere introdotti molti obblighi perché ognuno faccia la propria parte", ha concluso il sindaco.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti