Rapina una donna e scappa in Colombia: l'arresto al rientro in Italia

L’uomo nel marzo scorso avrebbe rapinato una donna e subito dopo sarebbe scappato in Colombia. Appena rientrato a casa è stato beccato

Lo scorso 12 marzo una signora residente a Truccazzano, comune in provincia di Milano, aveva subito una rapina appena rientrata nella sua abitazione, dopo aver ritirato dei soldi in una banca in piazza Diaz, in pieno centro a Milano. La donna era stata assalita da un uomo che era scappato con i contanti. Ieri pomeriggio il rapinatore è stato arrestato. Tutto ha avuto inizio il 12 marzo scorso quando una donna di 82 anni, si è recata in banca a Milano per prelevare dal suo conto corrente 21mila euro. L’anziana probabilmente è stata seguita una volta uscita dalla filiale. E appena rientrata nella sua casa di Truccazzano, è stata assalita alle spalle da un uomo. L’aggressore, dopo aver colpito la donna con due pugni sulla schiena, ha agguantato il bottino e si è dato alla fuga.

Sulle sue tracce si sono messi i Carabinieri di Melzo che hanno prima controllato tutti i cellulari rintracciati dai ripetitori di Truccazzano nella zona della rapina, e poi sono riusciti a confrontare i cellulari che si trovavano nel tragitto di strada tra il centro di Milano e la casa della vittima. Solo due cellulari sono risultati in entrambe le ricerche, uno era quello della 82enne e l’altro quello del suo rapinatore. Il secondo numero di telefono è risultato appartenere a un colombiano di 38 anni residente a Ivrea, comune in provincia di Torino.

Una foto del presunto aggressore è stata fatta vedere alla vittima che ha subito riconosciuto l’uomo. Il colombiano, incensurato, lavorerebbe come assistente agli anziani. Il 21 giugno il gip del Tribunale di Milano ha emesso un ordine di arresto nei suoi confronti. Ordine che è stato eseguito solo ieri, venerdì 28 giugno, verso le 16,30, quando il 38enne ha fatto ritorno in Italia. Era infatti scappato in Colombia subito dopo la rapina. Adesso dovrà rispondere dell’accusa di rapina pluriaggravata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.