Vaccini, sono "un successo" le prenotazioni dei giovani

Quasi un terzo gli under 29 che hanno appuntamento. Moratti: "Straordinario esempio di senso civico"

Vaccini, sono "un successo" le prenotazioni dei giovani

Alle 18 di ieri, quindi ameno di 24 ore all'apertura delle agende, erano 473.237 le prenotazioni per il vaccino anti Covid per la fascia 12-29 anni, che conta 1,75 milioni di cittadini. In particolare si contano 55mila appuntamenti per la fascia 12-15 anni, 145.650 per la fascia 16-20 e 272.582 per la fascia 20-29 anni. Un «successo» per la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti: «Anche questi dati rispecchiano l'entusiasmo dei cittadini, in particolare dei giovani e delle loro famiglie, che giustamente vedono nella vaccinazione l'opportunità di tornare a vivere la loro quotidianità in sicurezza per sé e per gli altri, oltre che di ripristinare le normali frequentazioni familiari. Uno straordinario esempio di senso civico che assume ancor più valore per la giovanissima età dei testimoni di questo ultimo miglio della campagna vaccinale della Lombardia. Possiamo guardare al traguardo del 30 luglio per ultimare almeno con la prima dose tutti i cittadini lombardi che ne hanno diritto e che avranno aderito».

«Bene, avanti così!» il commento entusiasta del presidente della Regione Attilio Fontana: «Dai giovani deve arrivare la spinta decisiva per proseguire il percorso verso il ritorno alla normalità». Difende il suo operato e l'efficienza della macchina organizzativa il governatore, a fronte dei numeri «portati a casa»: «Ci siamo attrezzati per le inoculazioni, negli hub vaccinali, di tutti i cittadini con più di dodici anni. Con la tranquillità di chi sa di aver già coperto le categorie fragili. Diciamola tutta: siamo stati messi sotto tiro per ragioni politiche. Non è stata una pagina gloriosa per i nemici delle autonomie, e per chi in particolare voleva demolire l'immagine di una Lombardia efficiente. Per fortuna la storia presenta il conto...».

Per prenotarsi, basta accedere al portale di Poste come per le altre fasce di età (prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it), oppure ricorrere agli sportelli Postamat (non è necessario essere clienti), telefonare al call center (800.894.545) o tramite portalettere. È necessario essere muniti di codice fiscale, tessera sanitaria in corso di validità e numero di cellulare. Possono prenotarsi i cittadini tra i 12 compiuti e i 29 anni di età. I minorenni, il giorno dell'appuntamento, dovranno essere accompagnati da un genitore o tutore legale, munito del Consenso Informato (scaricabile sul portale). Ai fini del consenso è sufficiente la presenza di un solo genitore, che dichiarerà di aver informato l'altro.

A proposito della reticenza in particolare delle fasce più giovani a prenotare il vaccino in vista delle vacanze estive il commissario per l'emergenza Francesco Paolo Figliuolo ha annunciato di aver inviato una lettera alle regioni per invitarle a «trovare delle soluzioni di massima flessibilità per le prenotazioni e qui penso soprattutto alle classi più giovani». «Con l'approssimarsi della stagione estiva e della chiusura delle scuole - si legge nella circolare-, si chiede di attuare procedure flessibili di prenotazione della vaccinazione che consentano ai cittadini la definizione della tempistica vaccinale già dalla scelta della data della prima dose, in modo da evitare, per quanto possibile, che la seconda somministrazione coincida con i periodi di assenza dalle zone di residenza o domicilio».