"Ora vi ammazzo tutti". Nordafricano col coltello semina il panico tra i passanti

Lo straniero, finito in manette dopo esser stato disarmato, era personaggio da tempo noto alle forze dell'ordine: in ospedale è risultato positivo al consumo di alcolici e di sostanze stupefacenti

Ha minacciato i passanti con un coltello in mano, gridando improperi e minacce di ogni genere e scatenando il panico per le vie di Cinisello Balsamo (Milano).

Protagonista in negativo della vicenda un pluripregiudicato marocchino di 37 anni, ora trattenuto dietro le sbarre di una cella di sicurezza della caserma dei carabinieri di Sesto San Giovanni (Milano) ed in attesa domani dello svolgimento del giudizio direttissimo. I fatti si sono verificati nel corso del primo pomeriggio di ieri, per la precisione intorno alle 13:40, proprio tra Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni.

A lanciare l'allarme, per la presenza di un nordafricano completamente fuori controllo ed in evidenti condizioni di alterazione psico-fisica, i numerosi passanti che si trovavano a transitare in via Grandi in quei terribili momenti.

Brandendo un coltello minacciosamente nei loro confronti, infatti, il marocchino ha iniziato ad urlare insulti e minacce di ogni genere verso chiunque avesse la sventura di incrociare il suo cammino. Le persone, per evitare conseguenze di ogni genere, hanno quindi cercato di trovare riparo sia dietro le auto in sosta posteggiate lungo via Grandi che dentro i negozi ancora aperti a quell'ora. "Vi ammazzo tutti", gridava l'extracomunitario in preda alla furia, quando sul posto sono giunti i carabinieri del comando compagnia di Sesto San Giovanni, diretti dal maggiore Saverio Sica, i quali hanno dovuto comunque faticare non poco per disarmare e neutralizzare il facinoroso.

Dopo essere riusciti a farlo salire a bordo della gazzella, gli uomini dell'Arma hanno condotto lo straniero in caserma per trattenerlo in via precauzionale. Già noto da tempo alle forze dell'ordine per una serie di reati contro il patrimonio e per questioni connesse allo spaccio di sostanze stupefacenti, il marocchino è stato dichiarato in arresto con l'accusa di minaccia aggravata, porto di armi od oggetti atti ad offendere e di resistenza e minacce a pubblico ufficiale.

Dato l'evidente stato di alterazione palesato dal 37enne al momento del fermo, i militari hanno provveduto al trasferimento dello stesso presso l'ospedale di Sesto San Giovanni, dove i medici hanno rilevato la positività al consumo di alcolici ed a quello di sostanze stupefacenti. Ritornato in caserma, il 37enne è finito in una cella di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo, mentre il coltello è stato sequestrato.

"Con un tempestivo intervento, le Forze dell’Ordine hanno bloccato e portato in caserma un individuo, in via Achille Grandi, in stato di alterazione. Le pattuglie l’hanno intercettato durante uno dei tanti controlli che si stanno effettuando nella via suddetta". Queste le parole del sindaco Giacomo Ghilardi sulla pagina personale di Facebook. Secondo alcuni dei presenti, tuttavia, sarebbero stati proprio i passanti aggrediti a contattare il 112 per chiedere aiuto: "Sono stati chiamati con urgenza da cittadini spaventati !!! Si aggirava per la crocetta ubriaco in stato di alterazione...".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 28/06/2020 - 14:20

La giungla,che avanza,colpa dei sinistri.

agosvac

Dom, 28/06/2020 - 14:46

Il fatto che , ora, sia in una cella di sicurezza della Caserma dei carabinieri, è giusto e doveroso. Il fatto che, quanto prima sarà scarcerato è sbagliato e delinquenziale. Questa gente deve restare in cella ed essere processata e condannata. Ovviamente se avessimo un Ministro dell'Interno adeguato all'attuale situazione italiana. Purtroppo la signora Lamorgese, neanche in odor di santità durante il suo servizio come prefetto di Milano, non è adeguata alla situazione italiana. Direi che non è adeguata a fare il Ministro dell'Interno.

Giorgio5819

Dom, 28/06/2020 - 15:16

Un sentito ringraziamento ai COMUNISTI che favoriscono l'ingresso in Italia di questi rifiuti. E poi ci sono i babbioni che parlano di "razzismo". FUORI DAll'italia tutta questa feccia e chi li fa entrare.

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 28/06/2020 - 16:07

Colpa degli italiani che non hanno voluto pagargli un bel appartamento in centro e una vacanza alle Maldive e non lo hanno abbastanza apprezzato in quanto ci paga la pensione.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Dom, 28/06/2020 - 17:46

"Già noto alle Forze dell'ordine". Eppure continuiamo a tenerci queste gradite risorse. CHE SCHIFO!!!

Ritratto di Lissa

Lissa

Dom, 28/06/2020 - 17:58

Grazie a questi cialtroni di sinistra, hanno ridotto queste nostre città ad una giungla d'asfalto.

tiromancino

Lun, 29/06/2020 - 16:08

Ancora senza taser