Stuprata dagli stranieri, la ragazzina si vendica e accoltella pakistano

Concluse nei giorni scorsi le indagini, che hanno portato complessivamente al fermo di sei persone, ora tutte agli arresti domiciliari

Accoltellato per vendetta, a causa dello stupro di una giovane minorenne avvenuto mesi prima, questo il motivo per il quale il pakistano A.Z. era stato aggredito in piazza Testori, proprio dinanzi alla stazione ferroviaria di Novate Milanese.

L'episodio si era verificato durante il 12 novembre del 2019 quando lo straniero, oggi 19enne, era stato rinvenuto disteso su una panchina e sanguinante da alcuni passanti. La chiamata al 118, poi la corsa all'ospedale Niguarda di Milano, con l'extracomunitario in stato di semi-incoscienza ed una seria ferita di arma da taglio all'altezza del fianco destro.

Le indagini erano state fin da subito affidate ai carabinieri di Rho, in grado di rinvenire immediatamente l'arma utilizzata dagli aggressori, un coltello a serramanico con evidenti tracce ematiche abbandonato poco più in là del luogo dell'agguato.

Un'investigazione lunga che si è conclusa nei giorni scorsi con il fermo di 6 persone, tra cui la ragazza minorenne, il fidanzatino ed un amico di quest'ultimo, ovvero gli esecutori materiali del raid punitivo. Ai domiciliari anche lo stesso A.Z. ed altri due connazionali che avevavo preso parte allo stupro della minorenne, un episodio che risale al gennaio del 2019.

Secondo quanto raccontato dalla giovane, la sera del 12 novembre si era recata alla stazione per acquistare un Iphone da regalare al fidanzato, trovandosi però a dover contrattare con lo stesso pakistano che aveva abusato di lei con altri due stranieri mesi addietro. Un episodio che però non aveva mai raccontato a nessuno. Insieme a lei c'erano anche il fidanzato ed un suo amico, rimasti inizialmente a distanza I due, estranei alla trattativa, erano tuttavia intervenuti in difesa della minorenne nel momento in cui il pakistano aveva provato ad allungare le mani su di lei. Secondo questa versione, vedendosi aggredire, il pakistano avrebbe estratto un coltello per difendersi ma si sarebbe ferito da solo. Una tesi confermata dagli altri due giovani ma alla quale gli inquirenti non hanno mai creduto.

I carabinieri hanno invece ricostruito la vicenda, scoprendo che si era trattato di una vera e propria spedizione punitiva ai danni dello stupratore pakistano, per la violenza sessuale commessa sulla minorenne nel gennaio del 2019. Quella sera, approfittando del fatto che la ragazzina fosse ubriaca dopo una serata in discoteca, il pakistano l'aveva stuprata, invitando a casa dei connazionali che avevano poi fatto altrettanto.

Un vero e proprio agguato dunque, al termine del quale i 3 aggressori avevano pianificato anche il furto dell'Iphone che la minorenne aveva finto di voler comprare per attirare lo straniero e del denaro che quest'ultimo aveva con sè.

I giovani sono stati incriminati a vario titolo per concorso in tentato omicidio (la vita del pakistano è stata salvata da un tempestivo intervento chirurgico), tentata rapina e porto abusivo di armi. Per i pakistani contestati i reati in concorso di violenza sessuale di gruppo aggravata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Gio, 25/06/2020 - 15:32

Madonnina prega per i migranti... vero, Franceschiello?

oracolodidelfo

Gio, 25/06/2020 - 15:51

Tutta gioventù sana.....

Enne58

Gio, 25/06/2020 - 15:56

Se non erro in un paese serio non dovrebbero verificarsi certi episodi, chi è preposto a vigilare evidentemente non ha fatto il suo dovere, e chi ha facilitato queste situazioni, anche se alberga nelle alte sfere, dovrebbe essere punito

Ritratto di cicopico

cicopico

Gio, 25/06/2020 - 15:57

grazie pd e 5 stelle per rendere migliore la nostra italia.grazie per questa gente.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 25/06/2020 - 16:45

oracolodidelfo 15:51...già!Il processo "orwelliano" dalla "normalità" alla "nuova normalità",continua....

PassatorCorteseFVG

Gio, 25/06/2020 - 16:57

purtroppo è cosi,quando la vittima di uno stupro,sa che non avrà giustizia,poi succedono queste brutte cose, ma non dimenticarsi che lo stupro è all" origine della vicenda,stupro da condannare specie se viene commesso da chi riceve ospitalità, ma dirà qualcuno:queste cose le commettono anche gli italiani, giusto, ma una severa condanna senza sconti di pena e la non uscita dal carcere anticipata,mi sembra una cosa buone e giusta. ciao a tutti.

enzolitti

Gio, 25/06/2020 - 17:03

Brava! Infatti, dallo Stato che cosa poteva aspettarsi?

maurizio50

Gio, 25/06/2020 - 17:44

Quando lo Stato diventa di cartapesta, come lo hanno creato in Italia le Sinistre, la gente non trova altra soluzione se non farsi giustizia da sè. Lezione buona per i Soloni che predicano accoglienza come obbligo ma nessun dovere per chi ci capita in casa!!!!!

QuasarX

Gio, 25/06/2020 - 19:05

si sa A QUALE TITOLO TALI PAKISTANI si trovavano in italia?

Ma.at

Ven, 26/06/2020 - 10:08

Sarebbe interessante sapere se si tratta di Emigrati con regolare permesso di residenza oppure di Invasori senza alcun titolo per stare in Italia: credo si tratti della seconda ipotesi, ma a parte questo quando non si rispettano le leggi del paese in cui si è, si deve essere arrestati e se siamo invasori si deve anche assere espulsi senza altre chicchiere e perdite di tempo.

paco51

Ven, 26/06/2020 - 10:26

non mi interessa la razza dello stupratore , ma non condanno quanto avvenuto! sospendo il giudizio, però considero la rivalsa metodo efficace! Lo stato, questa costituzione esistendo, non ti proteggerà mai!

Ritratto di adoroilmare

adoroilmare

Ven, 26/06/2020 - 11:21

Novate Milanese : immigrati a gogò tenuti ben nascosti ,hanno le case delle cooperative a gratis , rom che girano indisturbati vestiti da civili per non farsi riconoscere , spacciatori nei parchi sotto il comune che spacciano a cielo aperto davanti agli impiegati che fanno la pausa .... sale gioco ricettacolo di pusher delinquenti e ladri ....

Calmapiatta

Ven, 26/06/2020 - 12:04

Il fallimento dello stato...la vacanza della giustizia, la rovina della cultura.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 26/06/2020 - 12:22

adoroilmare 11:21....già,questo è il "melt pot",che piace alla stragrande maggioranza di "italiani",visto come ha votato a Marzo 2018,come tuttora vota la maggioranza di "italiani",a livello "intenzioni",con un bel 30-40% di "italiani" che neppure si sbilancia(i "chissenefrega"),che tacendo acconsentono,favoriscono l'INVASIONE ACCOLTA,e questo "andazzo"!!Diciamolo chiaramente!Questi "italiani" sono complici!

munsal54

Ven, 26/06/2020 - 13:44

Ora che a rimetterci è uno straniero,ecco che adesso la giustizia si fa sentire, ma dove era quando la minorenne è stata stuprata ? I ragazzi, altro non hanno fatto che sostituirsi ad una giustizia che se non ingiusta è perlomeno assente e faziosa

Giorgio5819

Dom, 28/06/2020 - 15:19

Stuprata dagli stranieri, la ragazzina si vendica e accoltella pakistano... questo é quello che stanno importando i comunisti.