Mobile

Tik Tok, cos’è il filtro "Bold Glamour" che divide il web

Visi completamente diversi e più accattivanti con il nuovo filtro che spopola su Tik Tok: ecco di cosa si tratta e perché può essere un grosso danno per i più giovani

Tik Tok, cos’è il filtro "Bold Glamour" che divide il web

Basta un solo click e si viene catapultati in un realtà che non esiste: nessuna imperfezione, pelle liscia e levigata e un aspetto che nemmeno alcune modelle di Victoria's Secret. Sta facendo molto discutere il nuovo filtro della "super bellezza" introdotto da Tik Tok che spopola soprattutto tra i giovanissimi della generazione Z sempre più desiderosi di apparire aspirando ai più alti canoni estetici possibili ma che, invece, possono essere risucchiati da problematiche psicologiche non indifferenti specialmente a quell'età.

Cos'è "Bold Glamour"

In pochi giorni sono state centinaia di milioni le ricerche con gli hastag #boldglamour e #boldglamourfilter per vedere a che punto fosse riuscita ad arrivare la tecnologia. Il nome del nuovo filtro è "Bold Glamour", traduzione di "Fascino Audace": tramite la sezione "effetti" del social, selezionandolo e inquadrando il viso femminile si assiste alla trasformazione del proprio volto. Stupore e risate tra i giovanissimi che non credono ai loro occhi soprattutto quando fanno il confronto con un selfie senza filtri: non si contano video e foto registrati e scattati con questa nuova opzione.

Le reazioni social

Se per molti può essere solo un gioco, un veloce esperimento di alcuni secondi, per tante altre giovani donne (funziona anche per gli uomini) potrebbe diventare un cruccio e una dipendenza che rischia di modificare per sempre quanto viene pubblicato su Tik Tok con un aspetto che non è quello reale. "Filtri come questo aiutano a stabilire standard di bellezza irrealistici per i giovani di oggi. Alcuni filtri sono un po' divertenti, lo capisco, ma non dobbiamo dimenticare anche la bellezza naturale. Non perdiamo di vista la realtà", ha dichiarato sul social un'influencer, Zoe George, mettendo sull'attenti tutte coloro possano farsi ammaliare da questo filtro. La sua considerazione ha già fatto il giro del web con oltre 2,5 milioni di visualizzazioni.

@zoe_george_ Filters like this help set unrealistic standards of beauty on the youth of today. Some filters are a bit of fun I get it, but we mustn’t forget natural beauty too. Let’s not lose sight of reality. #naturalisbeautifultoo ♬ original sound - Zoe_George

Fino a poco tempo fa, i filtri servivano più che altro per modificare paesaggi, usare il bianco e nero per tornare indietro nel passato e altri più divertenti mentre oggi si assiste alla creazione di uno strumento che, grazie all'intelligenza artificiale, illude i giovanissimi che spesso si nutrono della vetrina offerta dai social per mettersi in mostra. Spesso, però, questa condizione si rivela un boomerang che crea ansie e insoddisfazioni. "I filtri di bellezza non sono una novità, ma la precisione in questo caso è oltremodo inquietante", ha twittato Memo Akten, professor di arte computazionale e design presso l'Università della California. "Questa è guerra psicologica e pura malvagità".

Insomma, si tratta di un "make up" digitale che non ha precedenti: il segreto del successo li ha forniti al quotidiano tecnologico americano The Verge un esperto che si occupa di realtà aumentata, Luke Hurd: per la prima volta vengono utilizzati sistemi di machine learning, ossia intelligenza artificiale, "che mettono due reti neurali concorrenti l'una contro l'altra in una lotta all'ultimo sangue".

Con Bold Glamour si assiste a una vera e propria "ricostruzione" del viso tramite complessi meccanismi tecnologici che come risultato finale ricreano quello osservato. "Stiamo raggiungendo una nuova frontiera in cui non si tratta solo di aumentare la realtà, ma di sostituirla. E questo mi fa un po' paura", ha concluso un altro specialista del settore.

Commenti