La moda «burocratica» di un tempo finisce sul web

Un volume e una mostra virtuale per raccontare i «Fasti della burocrazia». Così la Regione Liguria ha voluto raccontare tutti gli abiti da cerimonia dei potenti genovesi. Un libro con le preziose uniformi civili e di corte indossate da nobili, gentiluomini e a tanti potenti personaggi dello stato e della vita pubblica genovese e non solo, dalla seconda metà del Settecento fino al primo Novecento. Con il volume «Corpus delle uniforme civili», curato da Carla Tavelli Traverso la Regione promuove il progetto di catalogazione informatizzata, del ricco materiale sulle uniformi civili dei secoli XVIII, XIX, XX, raccolto dal Servizio Cultura nel corso di quasi venti anni. Con il termine «uniforme civile» si indicano gli abiti indossati dai funzionari della corte e dello stato che, al pari delle uniformi militari, erano codificate in apposite leggi o decreti che ne descrivevano le caratteristiche peculiari, in particolare il tessuto ed il motivo decorativo del ricamo, al fine di rendere riconoscibile il funzionario che le indossava.
La notevole quantità di materiale documentario raccolto (schede di oggetti, leggi a stampa, documenti d’archivio, figurini, modelli, campionari dipinti, et. etc.) costituisce, per consistenza ed ampiezza degli estremi cronologici e topografici considerati, una fonte autorevole per gli appassionati questo particolare filone della storia del costume.
La ricerca ha riguardato numerosi stati italiani pre unitari, il nascente Regno d’Italia ed alcuni stati stranieri in particolare la Francia, con sondaggi mirati all’Austria e alla Spagna e comprende sia le raccolte a stampa, sia la documentazione d’archivio delle vari dinastie regnanti, o come nel caso degli ordini cavallereschi l’archivio storico dello stesso oridne. Con questo progetto informatico si è creata una banca dati sulle uniformi civili e di corte, unica a tutt’oggi almeno in Italia, che qualifica la Regione Liguria come un vero e proprio centro d’eccellenza, per coloro che sono interessati a questo filone di ricerca. Proprio, infatti, il confronto informatico di questa ricca documentazione ha permesso il riconoscimento di numerose uniformi civili conservate in varie collezioni italiane e per alcune si è anche riconosciuto il personaggio che le indossava.
Il libro comprende anche le uniformi conservate nelle Collezioni Tessili del comune di Genova che fanno parte della mostra sul web realizzata la Regione Liguria in collaborazione con la Direzione per i beni culturali e paesaggistici e la Sopraintendenza per i beni storici artistici e etnoantropologici. La mostra virtuale è visitabili in internet sul sito www.culturainliguria.it, sotto il menù pubblicazioni/ multimedia. I libri «Corpus delle uniformi civili» saranno distribuiti alle biblioteche e musei liguri e a diverse istituzioni straniere.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.