La moda conquista la città e dà l’addio alla Fiera: le sfilate tutte in centro

Addio alla vecchia Fiera. Il centro congressi di via Gattamelata è passato di moda: «resiste» per l’appuntamento con le collezioni Uomo dal 19 al 22 giugno, ma da settembre le sfilate invaderanno il centro. Da piazza della Borsa a via Palestro, via Dante, la Loggia dei Mercanti, in futuro anche piazza Duomo. Rivoluzione dettata anche dalla crisi: «I tempi sono cambiati - ammette il presidente della Camera della moda Boselli -. In fiera siamo passati da 50 a 25 sfilate, non tali da far quadrare i conti». Il prêt-à-porter occuperà vie, piazze e palazzi del centro, che il Comune darà in gestione alla Camera della Moda perché li affitti a prezzi di mercato (un occhio di riguardo ai giovani stilisti). Moda più democratica: dove è possibile, ai défilé assisteranno anche i curiosi. E dal 22 al 28 settembre il calendario sarà «blindato», inizia Gucci e finisce Armani. «Chi ha orecchie per intendere intenda» ha detto Boselli riferendosi alla direttrice di Vogue Usa, Anne Wintour, che all’ultima edizione era riuscita a far comprimere le sfilate in tre giorni. Dal 19 al 22 giugno va in scena invece Moda Uomo, e alcuni grandi eventi aperti al pubblico - da piazza Duomo alla Scala - anticiperanno la nuova era. Contaminazione con arte, cultura e Mondiali 2010.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti