Moda, in passerella le collezioni delle studentesse di New York

Al trecentesco Hospitale dei Pellegrini va in scena alle 19 la sfilata delle 5 studentesse di bachelor del Fashion Institute of Technology organizzata dal Politecnico. L'ateneo di piazza Leonardo è gemellato dal 2007 con la prestigiosa università: ogni anno i due istituti organizzano scambi tra studenti

Abiti eccentrici, colorati, fatti di stoffe ecosostenibili, sempre innovativi, sfileranno martedì dalle 19 nel trecentesco Hospitale dei Pellegrini dei Santi Pietro e Paolo di Corso di Porta Romana 118/A. «Armonie», questo il titolo dell'evento, è organizzato dal Politecnico di Milano e dal Fashion Institute of Technology (FIT) di New York per il conseguimento del Bachelor of Fine Arts in Fashion Design di cinque studentesse FIT che in quest'occasione presenteranno le loro creazioni.
In passerella la linea di abbigliamento per bambini di Meghan McGuffin «The Progression of Innocence», lo studio sulle diverse tappe della vita di Jolie Mittleman, gli abiti anni Cinquanta ricavati dal neoprene delle tute da sub di Kellie Lamkin. Mariko McNeill presenterà la sua «Transience: Aesthetic Journey», caratterizzata da elementi di design che provengono dalla cultura indiana, mentre Jacqueline Ramis porterà le sue creazioni da donna ispirate al mondo degli insetti.
Dall'anno accademico 2007/08 il Politecnico - Bovisa è diventato «Campus abroad» del prestigioso Fashion Institute of Technology, State University of New York (FIT). Ogni anno l'ateneo ospita tre classi FIT (fino a 60 studenti), che trascorrono al Politecnico uno o due anni di formazione. Il percorso formativo coinvolge diversi docenti del Politecnico, chiamati a svolgere attività didattica in lingua inglese per gli ospiti americani. Gli studenti di entrambe le nazionalità condividono varie esperienze didattiche e progetti comuni come laboratori progettuali, workshop con aziende di settore e tirocini professionali. Ogni anno si fa cambio: una selezione di studenti italiani del Corso di Laurea Magistrale in Design della Moda accede a un'esperienza simile a quella dei colleghi stranieri, trascorrendo un semestre al FIT di New York. I ragazzi sono selezionati in base al loro curriculum didattico e alla conoscenza della lingua inglese da una commissione congiunta FIT - Politecnico di Milano. Durante l'estate, inoltre, il Politecnico ospita alcune «Summer School» del FIT, che prevedono ulteriori attività formative specialistiche.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti