Battibecco fra Calenda e Boris Johnson: "Sul prosecco è ingiurioso"

Il ministro degli Esteri britannico vorrebbe mantenere il mercato comune ma chiudere alla libera circolazione delle persone. Ma l'Italia non ci sta

Battibecco fra Calenda e Boris Johnson: "Sul prosecco è ingiurioso"

Che Boris Johnson fosse un istrionico poco adatto alla diplomazia è convinzione diffusa da tempo. Ma il siparietto che il ministro degli Esteri di Sua Maestà britannica ha messo in piedi con il nostro ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, è al limite del tragicomico.

Durante un recente incontro, riferisce la stampa britannica, in riferimento alla Brexit Johnson ha spiegato di "volere il mercato unico ma non la libera ciroclazione delle persone". Di fronte alla prevedibile opposizione di Calenda, il ministro degli Esteri di Londra non ha resistito alla tentazione della battuta. E ha sbottato: "Venderete meno prosecco".

Fulminante la risposta del ministro italiano, lesto a ricordare al collega anglosassone che "l'Italia venderà meno prosecco a un solo Paese, il Regno Unito venderà meno fish and chips ad altri ventisette Paesi."

Il racconto è stato riferito dallo stesso Calenda in un'intervista a Bloomberg News dai toni piuttosto duri. Il ministro del governo Renzi ha riferito che la posizione di Johnson, sfrontato nel prevedere che "l'Italia avrebbe ammorbidito la propria posizione sulla Brexit poiché esporta moltissimo prosecco nel Regno Unito", era "un po' insultante". Calenda ha inoltre giudicato che il Regno Unito sia "confuso" sul processo di negoziazione della Brexit e i suoi leader siano influenzati "in modo inaccettabile" da logiche di politica interna.

In Gran Bretagna la polemica è montata al punto tale da spendere un portavoce del Foreign Office a dichiarare che "i commenti del ministro degli Esteri britannico riflettono la forza dei rapporti commerciali tra i nostri Paesi."

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento