Una dottoressa di Wuhan: “A dicembre ho dato l'allarme, ​mi hanno messa a tacere”

La sconvolgente intervista della dottoressa Ai Fen, direttrice del reparto di emergenza dell'ospedale centrale di Wuhan, che il 30 dicembre del 2019 aveva cercato di dare l'allarme: “Se avessi saputo cosa sarebbe successo, non mi sarei preoccupata del rimprovero. Ne avrei parlato con chiunque, e dovunque avessi potuto”

Oltre a scatenare il panico generale, l'emergenza Coronavirus ha portato anche alla nascita di numerose polemiche, soprattutto per quanto riguarda l'atteggiamento tenuto dalla Cina quando il morbo aveva appena cominciato a diffondersi. In tanti, infatti, hanno criticato il gigante asiatico per aver informato troppo tardi il resto del mondo di quanto stava accadendo nella città di Wuhan negli ultimi mesi del 2019, provocando di fatto dei ritardi nelle misure necessarie per arginare la diffusione del virus.

Eppure, quando quella che è poi divenuta una pandemia si trovava ancora agli esordi, alcuni medici cinesi avevano tentato di dare l'allarme. Primo fra tutti, il 34enne Li Wenliang, medico oculista di Wuhan che il 30 dicembre 2019 cercò di avvisare tutti del pericolo, scrivendo un post sulle proprie pagine social. Arrestato per procurato allarme, Wenliang era successivamente ritornato a lavoro, per poi morire, in circostanze non troppo chiare, a causa della stessa malattia che stava cercando di combattere.

Ora che la Cina torna a respirare dopo mesi di piena crisi, ecco spuntare anche la testimonianza di un altro medico, la dottoressa Ai Fen, direttrice del reparto di emergenza dell'ospedale centrale di Wuhan. Intervistata dalla rivista cinese “Renwu”, come riportato dal “The Guardian”, la professionista ha confessato di avere a sua volta lanciato l'allarme a fine dicembre, ma di essere stata immediatamente messa a tacere. Durissime le accuse della dottoressa, che oggi ricorda non solo i pazienti, ma anche tutti i colleghi medici deceduti a causa del Coronavirus. “Se avessi saputo cosa sarebbe successo, non mi sarei preoccupata del rimprovero. Ne avrei parlato con chiunque, e dovunque avessi potuto”, dichiara Ai Fen, che nella lotta al Covid-19 ha perso quattro colleghi, fra cui proprio Li Wenliang.

La dottoressa racconta di come, il 30 dicembre 2019, si fosse trovata di fronte a pazienti con sintomi simil-influenzali sospetti. I risultati degli esami di laboratorio eseguiti su di loro avevano riportato degli esiti allarmanti: a causare l'infezione, infatti, era il patogeno “Sars Coronavirus”, poi identificato come Covid-19. Preoccupata, Ai Fen aveva fotografato i referti per poi inviarli ad un collega sua amico, ed in poco tempo la notizia si era diffusa fra tutti i medici di Wuhan. Quella notte stessa, stando alle dichiarazioni della professionista, era arrivato il duro richiamo dei vertici. I dirigenti dell'ospedale, infatti, avevano chiesto alla dottoressa di non diffondere informazioni sulla misteriosa malattia, così da evitare il panico.

Due giorni dopo era stata poi convocata dal capo del comitato di controllo disciplinare dell'ospedale che l'aveva pesantemente rimproverata. Con l'ordine di non diffondere messaggi ed immagini inerenti la patologia, Ai Fen ed i suoi colleghi avevano solo potuto continuare ad assistere i malati indossando tutti i dispositivi di protezione individuale a loro disposizione. “Abbiamo visto arrivare sempre più pazienti mentre il raggio della diffusione dell'infezione si allargava”, spiega la dottoressa di Wuhan. “Sapevo che ci doveva essere una trasmissione da uomo a uomo”, aggiunge, raccontando di come invece i vertici continuassero a dire che le modalità di trasmissione non erano chiare. Poi, finalmente, il 21 gennaio arriva la conferma che il Coronavirus può passare da un uomo all'altro. Ma ormai è tardi. Con immenso dolore, la professionista passa a parlare di tutto il dolore al quale si è ritrovata ad assistere mentre si occupava dei malati.

Un'intervista decisamente forte, che, stando al “The Guardian”, sarebbe già stata rimossa da diversi siti web. La stessa rivista “Renwu” avrebbe eliminato il pezzo. Qual'è, allora, la verità?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

glasnost

Gio, 12/03/2020 - 16:25

Di cosa stupirsi! Questo è il comportamento tipico dei comunisti. Anche quelli di casa nostra. Nascondere,nascondere, nascondere la verità. E pensate che quasi tutti i nostri "intellettuali" amano questo comportamento, che, in realtà, sarebbe quello che anche il nostro governicchio vorrebbe fare.