Coronavirus, Spagna in ginocchio: i medici dovranno scegliere chi curare

Negli ospedali le persone con le migliori possibilità di sopravvivenza devono avere la priorità per essere ricoverate in unità di terapia intensiva

In Spagna il numero di contagiati per coronavirus ha superato quota 18mila mentre i decessi si avvicinano alle 900 unità. Madrid è il focolaio principale. Nella capitale spagnola i dati assomigliano a quelli registrati in Lombardia, la regione più colpita dell'Italia, a sua volta Paese più colpito d'Europa.

Le ultime 24 ore sono state drammatiche con 3.500 casi in più e 150 vittime da aggiungere al conteggio della guerra silenziosa contro il Covid-19. In tutto ci sono quasi mille persone ricoverate in terapia intensiva ma la cifra potrebbe già sfondare il tetto dei mille nel prossimo bollettino sanitario. La Comunità di Madrid è la più colpita, con 6.777 positivi, 498 morti e 590 pazienti proprio in terapia intensiva. A seguire troviamo la Catalogna con 2.702 contagi e i Paesi Baschi con 1.190.

La situazione è drammatica e lo dimostra un documento sull'emergenza provocata dal nuovo coronavirus preparato dal gruppo di lavoro di bioetica della Società spagnola di medicina intensiva, Critica e Unità Coronarie (Semicyuc) e il cui contenuto è stato concordato con la Società spagnola di medicina interna (Semi), di cui dà conto il quotidiano El Mundo.

Il testo sottolinea che, in uno scenario critico come quello spagnolo e in un contesto di risorse limitate, le persone con le migliori possibilità di sopravvivenza devono avere la priorità per essere ricoverate in unità di terapia intensiva. "Ammettere un ingresso – si legge nel documento - può significare negarne uno a un'altra persona che potrebbe beneficiarne di più, quindi è necessario evitare il criterio dell'accesso in base agli arrivi".

“Massimizzare il beneficio comune”

A detta degli intensivisti e degli internisti, la limitatezza delle risorse in una situazione di pandemia come quella attuale richiede "di concordare una serie di criteri tecnici ed etici comuni". Il primo che propongono è che l'ammissione in terapia intensiva si basi sul "massimizzare il beneficio comune. Nei pazienti critici con patologie critiche diverse dal Covid-19, dovrebbe essere data priorità a che ne beneficia maggiormente".

Nel frattempo nel mondo 90 Paesi hanno vietato l'ingresso agli spagnoli o hanno sospeso i collegamenti con il Paese iberico. Altri 32 Stati impongono modalità di quarantena per i viaggiatori in arrivo dalla Spagna.

Il governo spagnolo ha invece ordinato la chiusura degli hotel a eccezione di quelli messi a disposizione dei servizi sanitari. In una disposizione pubblicata nella Gazzetta ufficiale dello Stato, scrive El Pais, l'esecutivo ordina la sospensione dell'apertura al pubblico di tutti gli hotel e alloggi simili e di brevi soggiorni come roulotte, entro sette giorni, in tutto il Paese.

Vale un'eccezione per chi aveva un alloggio di lunga permanenza al momento della dichiarazione dello stato di emergenza ma le condizioni di isolamento devono comunque essere soddisfatte e non possono essere accettati nelle strutture nuovi clienti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di rr

rr

Ven, 20/03/2020 - 10:11

Situazione ovvia e valida in tutto il mondo: se i malati superano i letti bisogna scegliere.

maxfan74

Ven, 20/03/2020 - 10:19

l'Europa che non agisce e che non funziona è questa. Mancanza di un sistema che coordina gli stati membri a tutti i livelli e molto egoismo interno. Anche i nostra Roma finalmente se ne sono accorti.

killkoms

Ven, 20/03/2020 - 10:40

@maxfa74,la uè in comune ha solo l'€ che è il marco camuffato!

leopard73

Ven, 20/03/2020 - 10:54

L'EUROPA se ne sbatte altamente a loro interessano solo i miliardi da distribuire a SECONDO convenienza!!!!

amicomuffo

Ven, 20/03/2020 - 11:17

l'Europa solo di fatto, ha dimostrato tutta la su pochezza. Lasciamo ( forse!) la libera circolazione delle persone e stop. Poi ognuno per la sua strada. Che ogni Stato, torni a provvedere a se!

audionova

Ven, 20/03/2020 - 11:36

purtroppo abbiamo dei sistemi sanitari che non prevedono le epidemie e in questi casi,come nel resto del mondo,in emergenza si tratta quello che ha maggiori possibilita' di essere salvato a prescindere dall'eta?

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 20/03/2020 - 11:50

Tranquilli...se ti intubano non sai se ti svegli... Mancando i letti credo che ci siano solo 2 possibilità: o scelgono per sorteggio o per probabilità di guarigione. Io sono per la seconda opzione.

Divoll

Ven, 20/03/2020 - 11:57

E fino a 5 giorni fa riempivano i caffe', i ristoranti, le piazze, i cinema....

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 20/03/2020 - 12:01

Qualche tempo fa ho letto la biografia del pittore Tintoretto, artista veneziano. In questo libro viene descritta l'epidemia di peste avvenuta a Venezia tra il 1575 e il 1577 e mi rendo che conto che pochissimo è cambiato. Il top l'ho visto l'altro giorno quando i camion trasportavano i morti con i camion...a Venezia usavano le barche.

buonaparte

Ven, 20/03/2020 - 13:34

è giusto cosi.. io ho 3 patologie a rischio e trovo giusto che se una sola postazione di terapia intensiva ci vada uno che non ha patologie ed ha piu probabilità di me di vivere.. se poi penso che di maio ha speso 300.000 euro per mandare un aereo a prendere nicolo' bloccato in cina perchè aveva solo 37.6 di febbre mi viene da rimettere. diceva non lasceremo indietro nessuno.. propaganda sulla pelle della gente con i soldi dei contribuenti. alla fine questo governo dovrà essere processato da un tribunale internazionale come norimberga per strage .con 300.000 euro si compravano,che cerano allora,30 ventilatori per le terapie intensive.. vergogna governo--

Ritratto di Frankdav

Frankdav

Ven, 20/03/2020 - 19:55

Mi spiace che gli spagnoli siano già messi male... Vedremo come si comporteranno i primi della classe in Europa, parlo di quei Paesi sempre in prima fila a dettare le regole e a giudicare l’Italia sentendosi superiori