Covid-19, Boris Johnson annuncia: "In ospedale per test di routine"

Boris Johnson ieri notte si è recato in ospedale, ma solo per un controllo di routine. Verrà tenuto in osservazione. Prosegue la battaglia del premier contro il Covid-19

Boris Johnson si è recato in ospedale sì, ma per un controllo di routine. Lo stesso leader brittanico, che è positivo al Covid-19, ha in qualche modo spento le voci attorno alla terapia intensiva, che erano circolate nel corso di queste ore.

L'annuncio, come spesso capita di questi tempi, è arrivato via social: "La scorsa notte, su consiglio del mio medico, sono andato in ospedale per alcuni controlli di routine in quanto ho ancora sintomi di coronavirus". Poi la specificazione sulle condizioni umorali: "Sono di buon umore, resto in contatto con il mio team e lavoriamo insieme per combattere questo virus e proteggere tutti". La novità è apparsa sul profilo Twitter del premier britannico, così come riportato dall'Adnkronos.

Johnson non può ancora dirsi estraneo alla sintomatologia prodotta dall'infezione da coronavirus. Il leader dei conservatori ha sia la tosse sia la febbre. Sono due dei segni più incidenti quando si contrae il patogeno. Ma la storia del respiratore, quella che era stata alimentata da quanto ripercorso ieri da Ria Novosti, non è vera. Boris Johnson non ha bisogno di una macchina di supporto. La conferma sul quadro clinico - quella che è stata approfondita pure dall'Agi -, racconta di come Boris Johnson sia stato ricoverato in un nosocomio per via degli "esami". A comunicarlo al mondo è stato il portavoce dell'ex sindaco di Londra. C'è il tema della persistenza dei sintomi, quello sì. Ma le "condizioni di spirito" - come le ha definite lo speaker - sono "buone". I medici hanno comunque optato per tenere il vertice esecutivo del Regno Unito "sotto osservazione".

Le indicazioni, nonostante più di qualche retroscena giornalistica abbia ventilato l'ipotesi che Londra sia tornata a pensare alla immunità di gregge quale soluzione allo stato d'emergenza, è sempre la stessa: Boris Johnson ha domandato di nuovo ai cittadini britannici di stare in casa, in modo da evitare il collasso del sistema sanitario che non può sostenere un peso che fuoriesca dalle curve che gli esperti hanno calcolato da quando il Covid-19 ha fatto la sua comparsa in Uk.

L'uomo che è riuscito nell'impresa di portare a compimento la Brexit è stato chiaro: adesso è il momento di "salvare vite". Il ringraziamento, com'è ovvio che fosse, è indirizzato soprattutto agli operatori del settore sanitario. I veri "eroi" di questa fase, come li ha chiamati Papa Francesco durante almeno due dei suoi interventi pubblici: "Vorrei ringraziare tutto il brillante staff dell'Nhs (il sistema sanitario britannico, ndr) che si prende cura di me e degli altri in questo momento difficile. Siete il meglio del Paese", ha chiosato il primo ministro britannico.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di diplomatico

diplomatico

Lun, 06/04/2020 - 16:46

Coraggio BoJo, devi uscirne al più presto! Devi completare la missione a cui sei destinato: portare il Regno Unito fuori dalla marcia e morente UE, ormai un zombie appestato sul quale banchettano Germania, Francia e Olanda. Tre paesi bulli, che spero di tutto cuore di vedere crollare sulle ginocchia.

jekill

Lun, 06/04/2020 - 17:09

@diplomatico concordo e sottoscrivo

Treg

Lun, 06/04/2020 - 18:58

Tutti contenti i sinistri si sono buttati sulla notizia soddisfatti di vedere il cattivone negazionista punito dal virus. Hanno anche sparso la fake news del respiratore. Purtroppo per loro, e per noi, l'economia della Gran Bretagna ci surclasserà grazie alla Brexit ed all'immunità di gregge, entrambe volute da BoJo.

bernardo47

Lun, 06/04/2020 - 19:48

jonhson ha sperimentato sulla sua pelle che la immunita' di gregge non funziona.....

scorpione2

Lun, 06/04/2020 - 19:58

xjekill, visto che siamo in vena di vaneggiare ti anticipo che alla morte della regina l'australia chiedera' la scissione dall'inghilterra, ti va' come anteprima?