In Spagna 4mila morti. Sono 56 mila i contagi: 10mila in sole 24 ore

La Spagna alle prese con numeri drammatici: i morti salgono a 4 mila, mentre le persone contagiate sfiorano ormai le 60 mila unità

In Spagna, i numeri legati al Covid-19, diventano sempre più drammatici: il conteggio più recente ha fatto registrare più di 4 mila persone decedute, mentre i contagiati risultano essere oltre 56 mila.

Ma è la velocità con cui il coronavirus si sta propagando che spaventa tanto gli osservatori quanto la popolazione: basti pensare a come, soltanto nella giornata di ieri, le persone contagiate siano aumentate di più di 8 mila unità. La città più colpita, com'è noto, è la capitale Madrid, ma il quadro sta iniziando ad interessare ogni angolo iberico. Gli ultimi aggiornamenti, tra le varie fonti, sono stati riportati dall'agenzia Lapresse che, citando El Pais, ha anche sottolineato quale sia lo stato delle cose inerenti alle persone guarite, che mentre scriviamo sono 7 mila, ed ai posti occupati in terapia intensiva che sono invece 3.700.

Il primo ministro Pedro Sanchez, nel frattempo, ha predisposto tutta una serie di contromisure. E la nazione spagnola è stata tra le prime a sospendere de facto l'area Schengen, vietando l'ingresso via terra a coloro che non risiedono in Spagna. Isolamento, quarantena, chiusure, sospensioni: tutte le misure, in queste fasi, sono identiche a se stesse in buona parte del mondo. La fonte sopracitata ha anche svelato come un medico di una delle due principali squadre di calcio, ossia il Barcellona, sia da poco risultato positivo: si tratta del primo caso di Covid-19 che interessa il team della Catalogna, che per ora non era stato coinvolto dalla pandemia. Ma - come premesso - è lo scenario generale a presentare delle caratteristiche davvero allarmanti. Basti pensare a quanto dichiarato poco fa da Esteban Gonzalez Pons, il vicepresidente del Partito popolare europeo, le cui dichiarazioni sono state ripercorse dall'Adnkronos: "Stiamo vivendo un inferno: i malati muoiono da soli", ha detto. E poi persiste quel paragone, che non riguarda solo i cittadini iberici: la differenza tra le persone decedute in Cina a causa del Covid-19 e quelle che invece stanno morendo in alcuni contesti nazionali, dove il numero è persino superiore a quello cinese.

A Madrid, intanto, emergono "tanti falsi negativi", che derivano dai tamponi. Anche questa notizia è stata ripercorsa dalla fonte sopracitata. Per Pons, ancora, può essere rimarcata un'assenza ingombrante: l' "europeismo" dei leader dell'Unione europea che non starebbe incidendo più di tanto in questa che sembra davvero una "guerra" contro un "nemico invisibile".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di filospinato

filospinato

Gio, 26/03/2020 - 14:02

La Spagna processa Sanchez mentre l'Italia incensa Conte.

tormalinaner

Gio, 26/03/2020 - 14:22

Sanchez ha voluto atutti i costi festeggiare l'8 di marzo con riunioni di femministe, famiglie arcobaleno e gruppi vari LGBT, la natura non tollera anomalie e pialla tutte le cose storte.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 26/03/2020 - 15:09

.....altri sprovveduti,che hanno snobbato la tecnologia di Taiwan(messa in atto il 20 Gennaio),e si affidano all'improvvisazione.....

rasiera

Gio, 26/03/2020 - 15:15

Poveri spagnoli, mi dispiace anche per loro. Nessuno tra i paesi europei che dia una mano, ma lo capisco anche, tutti aspettano che arrivi tosta a casa loro, perché prima o poi arriva, e con che faccia non dai le cure a 100 cittadini del tuo paese se ne hai 100 ricoverati di un altro? Spagna tieni duro.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 26/03/2020 - 15:15

Come sia possibile considerato che l'Italia ha insegnato al mondo quanto pericoloso potesse essere questo virus. Al nostro governo e alle nostre regioni si può riconoscere l'attenuante di essersi schiantati per primi contro una situazione mai vista prima e di non avere quindi agito da subito con l'energia che dopo si è capito essere necessaria ma per gli altri paesi non ci sono scusanti. C'è chi ancora oggi non ha meso in piedi misure drastiche come quelle che noi abbiamo adottato già 10 giorni fa. E' assurdo.

Ritratto di faman

faman

Gio, 26/03/2020 - 15:30

Noi abbiamo sbagliato e siamo intervenuti in ritardo? Concediamolo, ma gli altri, forti della nostra esperienza cosa hanno fatto? Peggio.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Gio, 26/03/2020 - 17:11

Qualcuno ha notato che ogni governo occidentale ha fatto gli stessi "errori" e ha "sottovalutato" la situazione seguendo lo stesso copione? Nonostante i precedenti in altri paesi? Qualcuno pensa che siano tutti spontaneamente stupidi, uno dopo l'altro?