Balletto razzista al party. ​Scoppia la polemica Crédit Suisse

L’allora Ceo, Tidjane Thiam, era l’unico nero presente alla festa per il compleanno del banchiere Urs Rohner

La rottura tra Crédit Suisse e l’allora suo Ceo, l'ivoriano Tidjane Thiam, sarebbe iniziata in seguito a un party organizzato nel novembre del 2019. Thiam era l'unico nero presente alla festa per il 60esimo compleanno del banchiere Urs Rohner, presidente del consiglio d'amministrazione dell'istituto bancario. Non era comunque la prima volta che il 58enne era l'unico invitato nero a certi eventi. A farlo infuriare, a questo giro, sarebbe stato un balletto da lui giudicato razzista che è stato svolto senza che nessuno battesse ciglio.

Il party razzista

Quando però al party arriva un altro nero, Thiam e la compagna lasciano la festa. Si tratta infatti di un ballerino vestito da uomo delle pulizie, con tanto di straccio e secchio, che balla su una musica anni Settanta, fingendo di pulire il pavimento. A quella vista il Ceo decide di andarsene. Una volta rientrato, assiste ai festeggiamenti degli altri invitati che indossano parrucche afro. A parlarne, due giorni fa, è stato il New York Times, dopo che tre invitati hanno confermato quanto avvenuto. Anche sul fatto che nonostante l’ottimo lavoro svolto alla Crédit Suisse, in cinque anni Thiam abbia sempre dovuto combattere per far dimenticare da dove proveniva, ovvero il Terzo Mondo, modo in cui era stato presentato durante un evento che lui stesso dirigeva.

Le dimissioni

Tidjane Thiam è un banchiere, sua madre è una discendente della regina del Senegal, suo padre è giornalista ed è nipote di un primo ministro ivoriano. A febbraio Thiam ha dato le dimissioni, in seguito a uno scandalo. Pierre-Olivier Bouée, direttore generale, aveva infatti ammesso di aver chiesto l’aiuto di alcuni investigatori per far pedinare l’ex dirigente Iqbal Khan. Khan se ne era andato per passare alla rivale Ubs, la società svizzera di servizi finanziari con sede a Zurigo e Basilea. Thiam era ignaro di quanto fatto da Bouée e lo aveva dimostrato. In ogni caso erano state chieste le sue dimissioni.

Alla conferenza stampa di addio aveva detto: “Ho fatto il meglio che potevo. Ma sono quello che sono, e non posso cambiarlo. È l’essenza dell’ingiustizia prendersela con qualcuno per quello che è”. Al suo posto era poi arrivato Thomas Gottstein. Durante il suo discorso di addio non aveva parlato delle sue origini, ma il quotidiano americano, insospettito, aveva interpellato undici dirigenti che avevano lavorato con Thiam al Crédit Suisse e avevano detto che “il suo essere nero è stato un fattore sempre presente nel suo mandato, e ha posto le basi per questa liquidazione frettolosa”.

Del resto, il 58enne, molto apprezzato all’estero, non aveva mai avuto un’accoglienza calorosa nel paese elvetico. Un giornale svizzero era arrivato addirittura a dire che aveva un “aspetto poco elvetico”. Dopo essere stato contattato dalla stampa, l’istituto bancario si è scusato per quanto riguarda il party di novembre, asserendo che “il compleanno, alla cui organizzazione sia la banca sia il festeggiato sono estranei, non era inteso in senso razzista. Il racconto di quella sera è distorto, e ci scusiamo se abbiamo involontariamente offeso qualcuno”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di robocop2000

robocop2000

Mer, 07/10/2020 - 15:06

MAH MI SEMBRA UN PO TROPPO PERMALOSO SENZA MOTIVO IL TIPO. CMQ I SOLDI LI HA NON CREDO CHE SOFFRIRA' LA FAME !!

cabass

Mer, 07/10/2020 - 17:11

Non mi stupisco. In Svizzera si guadagna bene, ma c'è un clima umano pessimo. L'ideale è lavorarci qualche anno, turarsi il naso, monetizzare il massimo e poi fuggire a godersi i soldi altrove.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 07/10/2020 - 19:01

Gli elvetici sono famosi per la precisione. Probabilmente deve essersi sviluppata per selezione darwiniana giacché a nord delle Alpi il sole tramonta all'improvviso, e durante le notti di luna nuova chi faceva tardi doveva guadagnarsi la strada di casa brancolando tra rocce, canaloni e burroni. Ora, la generica imprecisione o il tirare tardi non uno stile elvetico. Il razzismo non c'entra è la cultura.