Danimarca, ok a revoca della cittadinanza per i jihadisti dell'Isis

La nuova legge in vigore in Danimarca avrà un’applicazione di due anni ed è stata approvata dal parlamento con una maggioranza trasversale

In Danimarca è stata appena approvata una legge che dà al governo il potere di revocare la cittadinanza a chi è andato a combattere per l’Isis.

Al Jazeera riporta che il parlamento di Copenaghen ha varato in questi giorni una normativa, di durata biennale, che conferisce all’esecutivo la facoltà di privare della cittadinanza danese gli individui, muniti di doppia nazionalità, che si sono recati all’estero per unirsi a gruppi armati stranieri. Tale provvedimento, sottolinea l’emittente, mira essenzialmente a prevenire il rientro in Danimarca dei 36 soggetti che, in questi anni, hanno abbandonato il Paese per combattere al servizio del Califfato in Iraq e in Siria.

La svolta alla lotta al terrorismo impressa dalla nuova legge consiste soprattutto nel fatto che la cancellazione della nazionalità danese avrà luogo soltanto per effetto di una decisione ministeriale, senza che sia più necessaria, come era previsto dalle vecchie norme, la sentenza di un giudice. La decisione potrà essere impugnata dal destinatario entro quattro settimane dalla notifica.

L’esame parlamentare delle legge “anti-foreign fighters” ha subito un’accelerazione sull’onda della recente offensiva della Turchia in Siria contro le postazioni curde. In particolare, la rapida approvazione della normativa danese è stata favorita dal rischio che migliaia di miliziani dell’Isis prigionieri dei curdi potessero approfittare del caos generato dai bombardamenti turchi per fuggire e rientrare clandestinamente in Europa.

Il provvedimento sul ritiro della nazionalità è stato approvato sia dal partito di governo, i socialdemocratici, sia dalle due principali forze d’opposizione, i conservatori del Venstre e i nazionalisti del Danish People's Party. Contro la stretta anti-terrorismo si è invece schierata l’estrema sinistra.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 25/10/2019 - 13:29

Il provvedimento andrebbe esteso a tutt'Europa. Il Parlamento di Strasburgo, invece di misurare i piselli e le banane, dovrebbe legiferare contro i nemici dell'Unione.

opinione-critica

Ven, 25/10/2019 - 17:46

La Danimarca ne ha fatto una giusta. Gli altri Stati saranno capaci di fare la stessa cosa? Oppure pensano che lo Stato fa solo gli interessi della borghesia e quindi bisogna occupare tutti i gangli dello Stato per fare i propri interessi? Attualmente in Italia è così….

Divoll

Ven, 25/10/2019 - 20:35

Dovrebbero revocarla a un bel po' di "diversamente europei", anzi, bisognerebbe farlo in tutta l'Europa.