Decathlon lancia l'hijab sportivo: scoppia polemica in Francia

Il copricapo, già in vendita in Marocco, sarà disponibile in tutti i negozi. L'annuncio del brand ha creato polemiche in Francia: "Boicottare il marchio"

decathlon
decathlon

Dopo che Decathlon ha annunciato la vendita di un copricapo destinato alle runner, in Francia è scoppiata la polemica. Il brand francese ha spiegato che a breve commercializzerà un hijab per tutte le sportive: nelle prossime settimane il copricapo, "inizialmente sviluppato e commercializzato in Marocco, su domanda delle runner locali", sarà disponibile in tutti i negozi Decathlon che lo richiederanno.

"Vogliamo rendere lo sport accessibile a tutte le donne", ha detto all'agenzia Afp Xavier Rivoire, responsabile della comunicazione di Decathlon United. "È praticamente un impegno sociale", ha poi continuato specificando che il copricapo "lascia il viso libero e visibile".

Le polemiche

L'annuncio dell'azienda non è però piaciuto in Francia, dove sono sorte numerose polemiche. Il ministro della Salute, Agnès Buzyn, ha affermato che un prodotto del genere "non è vietato dalla legge, ma è una visione della donna che io non condivido. Trovo che non corrisponda bene ai valori del nostro Paese. Non voglio che si favorisca una differenziazione tra donne e uomini".

Anche il partito En Marche ha reagito duramente all'annuncio del brand francese. "La mia scelta di donna e cittadina sarà quella di non confidare in un marchio che rompe con i nostri valori", ha affermato la portavoce Aurore Bergé, come riporta il Corriere. Infine, Nicolas Dupont-Aignan, presidente del partito neogollista e sovranista Debout la France, ha esortato tutti a boicottare il marchio.

Commenti