Francia, sgomberato campo profughi: "Troppe risse e violenza"

A inizio settembre il tribunale di Lille, a seguito di una richiesta dell'amministrazione comunale, ha ordinato l'evacuazione del campo: "Troppa violenza"

La polizia francese sta evacuando il campo profughi di Grande-Synthe, cittadina nel nord della Francia. Gli immigrati - circa mille - erano sistemati dentro e intorno alla palestra del Comune francese e sono perlopiù curdi iracheni. Ma a inizio settembre il tribunale di Lille, a seguito di una richiesta dell'amministrazione comunale, ha ordinato l'evacuazione del campo.

La decisione è arrivata proprio all'indomani del discorso di fermezza sull'immigrazione pronunciato dal presidente Emmanuel Macron.

Come riporta Le Parisien, la procedura è stata avviata in seguito al riscontro di un "problema di igiene". Le strutture sanitarie del campo sono infatti inadeguate rispetto alla popolazione che vi abita. Inoltre, sarebbero state molteplici le lamentele a causa dell'accumulo di rifiuti domestici.

Un problema di sicurezza pubblica

Sempre secondo il tribunale, il campo era all'origine di "gravi problemi di pubblica sicurezza". Spesso sono state accertate "risse e violenze all'interno del campo". Sempre tra i migranti del campo, i gendarmi hanno rilevato la presenza di passeur.

L'evacuazione è inziata questa mattina ed è stata accolta con favore dal sindaco socialista della cittadina,
Martial Beyaert.