Gibilterra pronta a rilasciare la petroliera iraniana

Se Teheran fornirà garanzie sulla destinazione e sul fatto che non violerà le regole dell'Unione europea recandosi in Siria, la petroliera potrà riprendere il largo

Gibilterra pronta a rilasciare la petroliera iraniana

Le petroliera iraniana fermata a Gibilterra sarà dissequestrata quando l'Iran avrà fornito garanzie sulla destinazione del suo carico. Lo ha fatto sapere il segretario agli Esteri britannico, Jeremy Hunt.

Se Teheran fornirà garanzie sulla sua destinazione e sul fatto che non violerà le regole dell'Unione europea recandosi in Siria, la petroliera potrà quindi riprendere il largo.

La Grace 1 era stata sequestrata lo scorso 4 luglio dai British Royal Marines al largo delle coste del territorio britannico d'Oltremare con l'accusa di aver violato le sanzioni contro la Siria. Secondo gli Stati Uniti, la nave era infatti destinata a Damasco per una consegna di petrolio, in violazione di vari blocchi posti da Ue e Usa.

Intanto il capitano e tre ufficiali dell'equipaggio della Grace 1, che erano stati arrestati, sono stati liberati "dietro cauzione e senza incriminazioni", ha annunciato la polizia del territorio britannico dopo averli interrogati nel corso di "indagini sulla sospetta esportazione di greggio verso la raffineria di Banyas in Siria".

Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha garantito che Teheran "non sta tentando di alzare" la tensione fra i due Paesi. Londra però ha deciso di aumentare il livello di allerta nella acque iraniane tanto che la prossima settimana arriverà nel Golfo Persico il cacciatorpediniere HMs Duncan della marina britannica.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti