"Hanno detto": le dichiarazioni più importanti di febbraio sulla Cina

Dal presidente Xi Jinping a Sergio Mattarella: ecco le dichiarazioni più importanti riguardanti la Cina rilasciate a febbraio

Di seguito ecco alcune delle dichiarazioni più importanti riguardanti la Cina e rilasciate nel mese di febbraio.

La sicurezza e la salute dei cittadini sono sempre prioritarie, attualmente, la prevenzione e il controllo dell’epidemia sono il lavoro più importante da svolgere”.

Il presidente cinese Xi Jinping, incontrando il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Seguo con viva partecipazione gli sviluppi della situazione sanitaria creatasi a seguito della diffusione del coronavirus 2019-nCoV. Desidero farLe pervenire le espressioni più sincere della vicinanza e della solidarietà degli italiani tutti e mie personali nei confronti dell’amico popolo cinese. Partecipiamo al dolore delle famiglie di quanti hanno perso la vita e auguriamo ai malati - assistiti dal coraggioso personale medico-sanitario cinese - un pronto e completo ristabilimento. Desidero inoltre ringraziarLa per la collaborazione e la sensibilità mostrate dalle autorità cinesi nel facilitare l’evacuazione per via aerea dei connazionali residenti a Wuhan. In questo spirito, colgo l’occasione per confermarLe che nell’affrontare l’emergenza sanitaria la Repubblica Popolare Cinese può contare sulla disponibilità della Repubblica Italiana per ogni assistenza che venisse ritenuta utile. Con l’auspicio che si torni sollecitamente a condizioni di normalità sotto ogni profilo”.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo messaggio inviato al Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping

Le attuali, decise misure adottate dalla Cina nella regione colpita dall’epidemia stanno dando il tempo al resto del mondo di prevenire il diffondersi dell’epidemia. Tutti i Paesi devono unirsi e intraprendere azioni concertate per controllare l’epidemia senza andare nel panico”.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus

Quello che non è accettabile è il terrorismo psicologico e lo sciacallaggio che alcuni fanno per trovare soltanto una scusa per l’odio e l’esclusione. Invece noi siamo vicini alla comunità cinese in questa battaglia comune

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, lanciando un messaggio via social con un hashtag #Abbracciauncinese

Cari amici cinesi, so che è un periodo molto particolare. Mi raccomando: forza e non mollate! A presto

Francesco Totti, video messaggio

L'ex premier Romano Prodi e l'ex viceministro Michele Geraci

Proprio nei giorni della festa per tutti cinesi, la Cina si è trovata di fronte a un dramma, lo scoppio di quelle improvvise pestilenze che hanno accompagnato storia dell’umanità per tanto tempo. Ma la Cina ha reagito in modo straordinario, ha reagito con grandi sacrifici, ha reagito come reagisce un grande popolo. Certamente il problema è serio e grave, non è terminato. Ma sono fiducioso che questa reazione così corale, così forte, possa portare alla soluzione rapida del problema. Ne abbiamo bisogno. Perché la Cina è uno dei punti di riferimento dell’economia mondiale, è integrata in tutto il mondo. Quindi siamo uniti nell’anima e nel corpo. Siamo uniti in un’unica struttura mondiale e insieme dobbiamo affrontare il futuro. Auguri per tutto quest’anno difficile e per il vostro avvenire. Voglio esprimere in parole semplici: Zhongguo Jiayou! Wuhan Jiayou! Coraggio Cina! Coraggio Wuhan!

Romano Prodi, già Primo Ministro italiano e Presidente della Commissione Europea, videomessaggio

Ciao a tutti, vorrei mandare un messaggio da Roma a tutti gli amici cinesi: Forza Wuhan! Forza Cina! In Italia vi sosteniamo tutti! Questo è il nostro nuovo hashtag: Siamo tutti di Wuhan!

Michele Geraci, Ex vice ministro dello Sviluppo economico italiano

Un saluto e un abbraccio a tutti gli amici cinesi. Il virus è un nemico comune a tutta l’umanità, che tutti noi dobbiamo combattere e sconfiggere. Un saluto particolare ai medici e agli infermieri a Wuhan, che stanno lavorando notte e giorno contro questa brutta malattia. Forza Wuhan, Forza Cina”.

Francesco Maringiò, esperto di politica cinese

"Cari studenti cinesi, vogliamo esservi vicini in questo momento delicato... Vogliamo non solo essere vicini ma vogliamo appoggiarvi in tutte le attività che affrontiamo sia in Cina che in Italia. Non c’è nessun problema. Chiamateci e noi saremo pronti a dare risposta”.

Alberto Ortolani, Segretario Generale Uni-Italia

Le malattie infettive virali sono un nemico comune che dobbiamo affrontare tutti insieme. Attendo con speranza il momento in cui vinceremo la battaglia contro l’epidemia del nuovo coronavirus”.

Denis Bastieri, professore del Centro di Astrofisica dell’Università di Guangzhou

Di seguito alcuni messaggi e commenti giunti sulla pagina Facebook Cinitalia, di China Media Group.

Siete un popolo formidabile e a voi va il nostro sostegno con l’augurio che tutto possa risolversi al più presto” - Anna Castellani

Sono solidale con questa nazione, che anche in una situazione non felice dimostra l’amore verso i connazionali e la solidarietà concreta. Forza Cina, Forza Wuhan” - Paolo Palmiotto

Siete un popolo che non si arrende anche nelle situazioni più tragiche… Spero che riusciate presto ad uscire da questa tragedia… Ciao amici” - Alberto Fonti

Dopo la tempesta tornerà il sereno. Tutto sta a saper ballare sotto la pioggia. Coraggio Wuhan, coraggio fratelli” - Barbara Pala

Sono stato a Wuhan due anni fa. Una delle città più belle che ho visto nei lunghi periodi passati in Cina. Lo splendido lungo fiume, il centro con tutti i mezzi pubblici elettrici, la popolazione estremamente disponibile con gli stranieri. Ritornerò a visitarla presto, ne sono certo" - Fabrizio Poto

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.