India, bimbo cade in un pozzo di 600 metri. È corsa contro il tempo per salvarlo

Alle operazioni di salvataggio del piccolo sta prendendo parte anche l’esercito indiano, sotto il monitoraggio delle autorità del Madhya Pradesh

India, bimbo cade in un pozzo di 600 metri. È corsa contro il tempo per salvarlo

In India è corsa contro il tempo per salvare un bambino di tre anni caduto accidentalmente in un pozzo profondo 600 metri. L’incidente si è verificato mercoledì mattina nello Stato settentrionale del Madhya Pradesh, nel distretto di Niwari, ossia nel nord dell’entità federata. Il piccolo malcapitato si chiama Prahlad e sarebbe precipitato nella cavità mentre suo padre, Harikishan, stava lavorando proprio in prossimità del pozzo. La vicenda citata ha finora determinato la mobilitazione di un gran numero di soccorritori e ha inoltre suscitato grande apprensione nei rappresentanti delle autorità locali.

In base alle prime ricostruzioni della vicenda, Prahlad, quella mattina, stava giocando vicino al pozzo di trivellazione ed è caduto mentre suo padre insieme ad altri lavoratori stavano installando un tubo all'interno della medesima cavità, piena d’acqua fino a 30 metri da terra. Per il momento, il piccolo non si troverebbe immerso nell’acqua, ma sarebbe comunque rimasto incastrato a testa in giù.

Alle operazioni di soccorso ha immediatamente preso parte anche l’esercito indiano, con le squadre di pronto intervento che, oltre a calare il proprio personale nella cavità in cui si trova il bimbo, stanno provvedendo a realizzare un tunnel parallelo al pozzo e a rifornire di ossigeno Prahlad.

Le operazioni di salvataggio sono strettamente monitorate dalle autorità dello Stato del Madhya Pradesh, con il locale ministro degli Affari interni, Narottam Mishra, che ha dichiarato in proposito: “Il bambino si trova adesso a una profondità di quasi 15 metri, mentre noi finora abbiamo scavato per circa 14. Il governo ha coordinato le operazioni per tutta la notte. Il Paese intero sta pregando per quel bambino”.

Sul dramma che sta vivendo in queste ore Prahlad è quindi intervenuto anche Shivraj Singh Chauhan, capo del governo dell’entità federata indiana: “L’amministrazione locale e l’esercito sono impegnate in operazioni di salvataggio per recuperare il povero Prahlad, che è precipitato in un pozzo nel villaggio di Setpura, vicino alla città di Orchna. Sono fiducioso del fatto che Prahlad verrà presto tratto in salvo. Che Dio protegga il bambino, preghiamo tutti insieme”.