Lava i denti col topicida: e la 57enne muore avvelenata

In passato si erano già verificate in India morti analoghe, ossia sempre per colpa di un tubo di veleno per topi scambiato per un dentifricio

Una donna indiana è deceduta in questi giorni poiché si è lavata i denti con il veleno per topi.

A riportare tale notizia è The Independent, secondo cui la vittima sarebbe una cinquantasettenne di nome Leela Karkera, mentre il luogo dell’incidente fatale sarebbe Malpe, un sobborgo della città di Udupi, lungo la costa dello Stato sudoccidentale di Karnataka.

A detta del giornale online inglese, la Karkera avrebbe scambiato un tubo di veleno per roditori, di marca Ratol, per il proprio dentifricio. In base alla ricostruzione fatta dal quotidiano, la donna non sarebbe stata allora per niente in grado di notare differenze tra l’involucro contenente l’agente tossico e quello destinato all’igiene orale.

Il topicida in questione sarebbe un prodotto di largo consumo nel Paese e sarebbe presente in molte abitazioni, grazie soprattutto al suo basso prezzo. Contro il Ratol, sostiene sempre l’organo di informazione inglese, non vi sarebbe alcun antidoto.

Dopo avere iniziato a pulirsi i denti con il veleno, la Karkera si è subito sentita male ed è stata di conseguenza trasportata al più vicino ospedale, dove è deceduta. La polizia locale, riferisce The Times of India, ha immediatamente aperto un fascicolo per “morte innaturale”, avviando contestualmente delle indagini dirette a fare luce sulla dinamica dei fatti.

La fatalità avvenuta in India in questi giorni non è la prima morte dovuta al Ratol, in quanto, nel subcontinente, casi analoghi hanno iniziato a verificarsi a partire dal 2012. In quell’anno, ricorda The Independent, due ragazzi sono infatti deceduti nelle medesime circostanze che hanno portato alla scomparsa della Karkera, ossia lavandosi per sbaglio i denti con il topicida.

Già nel 2015, inoltre, la rivista scientifica Indian Journal of Critical Care Medicine, spiega sempre il quotidiano britannico, aveva lanciato un appello affinché il Ratol non fosse più acquistabile dalle famiglie del Paese.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 27/11/2019 - 09:04

Beh....usare il topicida come dentifricio ha indubbiamente dei vantaggi:sia da morto che da vivo,con quel veleno carie non ne hai più.

roberto67

Mer, 27/11/2019 - 09:32

Il tubetto di Ratol è ben distinguibile da qualsiasi dentifricio per il nome in caratteri cubitali, il disegno del topo, e perché la pasta è nera. Uno scambio di questo genere è possibile solo al buio e tenendo veleno e dentifricio nello stesso posto: due cose che non possono coesistere se uno ha un minimo di razionalità. Insomma, pare più uno scambio fatto di proposito da qualcun altro.

ulio1974

Mer, 27/11/2019 - 09:43

ma uno tiene il veleno per topi sul lavandino del bagno?!?! detto questo, non basta fare un bel disegno di topi morti sulla confezione???

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 27/11/2019 - 11:11

Quando si dice di combattere le carie...