Mangia pollo al curry e resta paralizzato

Un 40enne aveva preparato il piatto velocemente. A causa di un batterio che ha causato la sindrome di Guillain-Barré, è rimasto paralizzato in un letto di ospedale per 4 mesi

Aveva mangiato del pollo al curry poco prima di andare a vedere il figlio giocare a rugby. Poi ha iniziato a sentirsi male. David Braham, 40 anni di Cardiff (Regno Unito), è finito in coma ed è rimasto paralizzato dal naso in giù. I medici gli hanno diagnosticato una forte intossicazione alimentare che ha scatenato la rara sindrome autoimmune della sindrome di Guillain-Barré.

Come riporta il Messaggero, per quattro mesi l'uomo, padre di tre figli e amante dello sport, è rimasto in un letto di ospedale, incapace di muoversi e persino di respirare da solo. Oggi, dopo cure importanti, il 40enne riesce a camminare senza aiuti e può lasciare di tanto in tanto la sua stanza di ospedale.

"Mi sono preparato il piatto velocemente per vedere la partita di mio figlio", ha raccontato l'uomo al Daily Mail, "poco dopo ho iniziato a stare male: prima un formicolio alla mano, poi un malessere generale. Dopo 24 ore ero immobile in coma".