"Adesso votate lei". L'endorsement che può cambiare tutto

La nipote di Marine Le Pen annuncia il sostengo di Zemmour al Rassemblement National e punta all'unità del centrodestra. Ma i Repubblicani si divideranno

"Adesso votate lei". L'endorsement che può cambiare tutto

Eric Zemmour, al ballottaggio, indicherà di votare per Marine Le Pen. Ne è convinta la nipote del leader del Rassemblement National Marion Marechal, che in questo primo turno non ha sostenuto la zia, bensì il polemista ed intellettuale che si è assestato attorno al 7%.

Marion Marechal aveva del resto anticipato quale sarebbe stata la decisione al Giornale: "Personalmente ho già dichiarato il mio sostegno a Marine Le Pen in caso di ballottaggio contro Macron, il problema però è più complesso - aveva specificato - . Ho sempre sostenuto la necessità di arrivare in Francia alla creazione di una coalizione di centrodestra sull'esempio italiano, come peraltro desiderano i nostri elettori", aveva detto in un'intervista che ha rilasciato.

La motivazione che l'ex esponente del Front National intravede è semplice: "Macron è il primo avversario, nessuna esitazione su questo. Per avere la maggioranza al secondo turno bisogna riunire". La nipote di Marine, che tuttavia si è discostata dal Rn in questa campagna elettorale, è una grande sostenitrice dell'unità del centrodestra d'Oltralpe.

Sempre al Giornale, Marion aveva aggiunto quanto segue: "Grazie a Reconquete infatti per la prima volta assistiamo alla convergenza di fette di elettorato RN e LR su un candidato comune e a dichiarazioni di vertici repubblicani che annunciano il sostegno a Zemmour in caso di ballottaggio con Macron, cosa mai avvenuta con Marine Le Pen".

Eric Zemmour si è tuttavia assestato al di sotto del 7%, non staccando così un biglietto per il secondo turno del double ballot. Marine Le Pen, dal canto suo, non ha chiesto soltanto ai sostenitori dell'intellettuale di votare per lei: "In gioco il 24 aprile non c'è un semplice voto di circostanza, ma una scelta di società e direi anche di civiltà", ha dichiarato a stretto giro dalla pubblicazione dei primi risultati. L'appello è a tutti coloro che non hanno sostenuto il presidente uscente Emmanuel Macron.

Intanto iniziano a formarsi le "squadre", per così dire, per il prossimo ballotaggio: è probabile che Zemmour, insieme a Dupont-Aignan, sia tra i pochissimi a dichiarare le sue intenzioni di voto in favore di Marine Le Pen tra i vari candidati che erano in lizza al primo turno. Valèrie Pecresse, candidata dei Repubblicani, ha già annunciato il suo sostegno a Macron, mentre altri singoli esponenti la pensano in maniera diversa.

Commenti